NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

itzh-CNenfrdejaptrues

La Grancia di Cuna: Recupero e Valorizzazione di un Bene Comune

lagranciadicuna-convegnoSabato 22 marzo 2014 a partire dalle ore 9.30 presso i locali del Superciname di Monteroni D'Arbia (Si) si terrà il Convegno dal titolo "La Grancia di Cuna - Recupero e Valorizzazione di un Bene Comune". L'evento sarà dedicato alla presentazione delle attività di studio e restauro sul complesso storico della Grancia di Cuna. 

L'intervento di restauro è iniziato 2012 quando il Comune di Monteroni d’Arbia ha acquisito il bene "L’acquisizione dei Granai da parte dell'amministrazione - ha dichiarato il Sindaco Jacopo Armini - ha infatti sbloccato anche i lavori di rifacimento delle coperture del resto degli edifici che il condominio della Grancia di Cuna ha affidato nel frattempo ad una ditta specializzata di Siena”.

La Grancia di Cuna è un complesso edilizio risalente al XIV secolo che rappresenta, "per dimensioni, monumentalità e stato di conservazione, una delle più alte testimonianze, a livello italiano ed europeo, di strutture architettoniche medievali a carattere produttivo. Oggi la porzione più significativa e monumentale della Grancia di Cuna è un patrimonio della collettività che, una volta completati i lavori di restauro, potrà essere valorizzato e diventare un fattore di sviluppo sia per l'ambito turistico che culturale."

I primi lavori sono iniziati a gennaio 2014 e il progetto è finanziato per l’80% con fondi europei, e prevede "un primo studio analitico dello stato attuale tramite una serie mirata di indagini da svolgere sulle strutture materiali, l’evoluzione stratigrafica e storico-architettonica della Grancia, e i lavori effettivi di restauro. Le indagini si stanno svolgendo in stretta collaborazione con l'Unità di Ricerca sulla Conservazione del Patrimonio Culturale lapideo dell’Università di Siena (Dipartimento di Scienze Ambientali) e con le unità di ricerca sul fondo archivistico dell’Ospedale di Santa Maria della Scala”.

 

Scarica la locandina con il programma

 

Fonte: Ianus Architettura, Siena Free

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.

Abbonatevi CLICCANDO QUI  


/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo