NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Venerdì, 06 Settembre 2013 11:04

Nuove documentazioni archeologiche mediante Lidar

lidar KhmerLo scorso anno, nel mese di aprile, la società McElhanney ha condotto un monitoraggio aereo LiDAR a sostegno dell'attività di ricerca archeologica in Cambogia . E 'stato il primo progetto del Sud-Est asiatico e il più grande sondaggio LiDAR per l'archeologia realizzato in tutto il mondo fino ad oggi,in quanto riguarda 270 chilometri quadrati su Angkor e le zone circostanti.

Angkor è una delle più importanti regioni storiche del Sud-Est asiatico, contiene le rovine dell'Impero Khmer , la maggiore potenza nel sud est asiatico tra il IX e il XV secolo. Si ritiene sia stato il più grande complesso urbano pre - industriale del mondo, Angkor e che abbia sostenuto una popolazione fino a un milione di persone al suo apice. Il suo tempio più famoso, Angkor Wat, attira circa due milioni di turisti ogni anno ed è raffigurato sulla bandiera cambogiana.

Molti dei templi di Angkor sono circondati da ampie foreste, e gran parte del paesaggio è disseminato di mine di terra e ordigni inesplosi, resti del regno dei Khmer Rossi. Gran parte delle prospezioni compiute nel corso degli ultimi 150 anni è stata condotta da un'indagine terra, che però risulta difficile e pericolosa. La tecnologia LIDAR (LIght Detection And Ranging), utilizza un laser scanner aereo per acquisire i dati di coordinate a intervalli regolari. Il risultato è un quadro estremamente dettagliato e preciso della topografia, anche attraverso una fitta vegetazione.

Entro pochi giorni dalla ricezione dei dati LiDAR , gli archeologi sapevano che i risultati sarebbero stati importanti. Uno dei primi risultati è il rinvenimento di un insediamento che circonda il noto tempio della Beng Mealea. L'area è coperta da una foresta così come da mine, le caratteristiche note erano di un tempio crollato e di un grande fossato. La tecnologia LiDAR ha rivelato l'area come un intricato insediamento pianificato con una rete di strade e stagni. Il sito si è quindi conservato in maniera impeccabile offrendo ai ricercatori una vista di prima mano della città di Khmer nel XII secolo .

I dati hanno rivelato testimonianze di insediamenti anche ben oltre i confini tradizionali della Greater Angkor, compresa Mahendraparvata , una "città perduta" nelle montagne del Phnom Kulen . I residenti di Anlong Thom, un villaggio moderno, costruito in cima alla antica città sepolta, erano completamente all'oscuro della sua presenza.

Anche nelle zone già ampiamente studiate, l'analisi LiDAR è stata in grado di offrire informazioni ad un nuovo livello di dettaglio. Alcuni dei primi dati esaminati erano del recinto boscoso del tempio Ta Prohm , meglio conosciuto come il sito del film Tomb Raider . Un'intera città antica è stato rivelata sotto la foresta, rivelando con precisione una griglia di strade, canali, stagni, e tumuli, che nessuno aveva mai notato nonostante 150 anni di ricerca e di due milioni di turisti all'anno .

Più di un anno dopo che i dati sono stati raccolti gli archeologi hanno completato la prima fase di analisi ed i loro risultati sono appena stati rilasciati . La pianificazione è ora in corso per realizzare nuove fasi del progetto in futuro, compresa la necessaria garanzia del finanziamento per acquisire i dati LiDAR . La mappa degli archeologi, data dall'attuale indagine LiDAR, indica l'abbondanza di tesori ancora da scoprire. 

 

Fonte: Gogeomatics.ca

 

 

Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:33

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo