NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Le nuove tecnologie per Aquileia

Si svolgerà ad Aquileia Il 25 maggio il secondo workshop dedicato alle nuove tecnologie. L'evento organizzato per il secondo anno consecutivo dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Friuli Venezia Giulia e dall’Università di Udine, sarà una giornata di lavoro sulle nuove tecnologie aperta a tutti gli studiosi interessati che su Aquileia hanno svolto studi con nuovi strumenti di indagini in modo tale da favorire il contatto tra diversi specialisti del settore e lo scambio di esperienze e proporre progetti congiunti per iniziative future.

 

 


Come si legge nel comunicato del Mibac "le nuove Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione offrono, infatti, grandi opportunità per una migliore valorizzazione dello straordinario patrimonio di Aquileia ai fini scientifici, didattici e turistici. I rilievi, di tipo geofisico o aerofotogrammetrico e i sistemi informativi geografici (GIS) permettono la prospezione del terreno in modo non invasivo; le tecnologie dei multimedia digitali consentono di redigere documentazione efficace dal punto di vista comunicativo e giungono ovunque tramite Internet; i sistemi mobili e le tecniche di posizionamento satellitare accompagnano sul campo archeologi e turisti".

 

Qui di seguito il Programma della giornata:

09.30 Opening
- Paola Ventura (Director, Museum of Aquileia): Welcome address

09.45 Session 1: INVITED SPEAKERS

- Stefan Groh (Österreichisches Archäol. Institut, Vienna): Urbanistic studies in the western part of Aquileia
- Michele Pipan (University of Trieste): High‐Resolution geophysics in imaging and characterization of buried cultural heritage (in collaboration with E. Forte)
- Maurizio Buora (past Director, Museum of Udine) : Some sites in Aquileia to be investigated with the new technologies
- Domenico Visintini (University of Udine): The new technologies for the 3D modeling of Aquileia and beyond

11.45 ‐ Break

12.00 Session 2: NODESTRUCTIVE INVESTIGATIONS

- Michele Pipan, Luca Gasperini, Emanuele Forte, Arianna Mocnik, Anna Del Ben, Roberta Zambrini, Andrea Zamariolo, Massimo Capulli, Luigi Fozzati: The ANAXUM Project: integrated geophysical and archaeological survey of the Stella river archaeological area
- Marina Rubinich, Tommaso Mattioli , Andrea Di Miceli (Università di Perugia) Recent geophysical surveys to the West of the Great Baths: results and new hypotheses
- Stefano Magnani (Udine): The change in the landscape between Aquileia and the lagoon: some observations
- Andrea Zuliani, Vito Roberto, Maurizio Buora (Udine): A new lineage in Aquileia: the Gens Uavia

13.00 ‐ 14.30 ‐‐‐ Break with snacks, refreshments and.....a practical demonstration

15.00 Session 3: 3D MODELING

- Sara Gonizzi Barsanti, Fabio Remondino, Domenico Visintini (Udine): Integration of UAV, photogrammetricand TLS data for the 3D modeling of the Aquileia Byzantine walls
- Fabio Crosilla, Carmine Puca, Stefano Rizzotti, Domenico Visintini (Udine): Integration of UAV and TLS data for the 3D modeling of the Aquileia Basilica

15.45 Session 4: DATA INTEGRATION

- Dante Bartoli, Massimo Capulli, Peter Holt: Creating a GIS for the underwater research project ‘ANAXUM’: the Stella 1 shipwreck
- Paolo Gallo, Vito Roberto (Udine), Raffaela Cefalo, Michele Pipan (Trieste): ANTEO, sharing data on a WebGIS platform

17.00 Session 5: THE GREAT BATHS OF AQUILEIA

- Marina Rubinich (Udine), Giovanni Auditore, Davide Miniutti (Studio 3DEG‐Treviso) A software to navigate on the mosaic pavements of the Great Baths of Aquileia.

17.15: Guided visit to the excavations of the Great Baths (M.Rubinich, archaeologist).

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo