NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

SCANTECH iReal 2S. Una soluzione anche per i Beni Culturali.

SCANTECH iReal 2S. Una soluzione anche per i Beni Culturali.

Le popolazioni antiche hanno lasciato in eredità oggetti e monumenti dal valore inestimabile. I reperti, tuttavia, col passare del tempo, subiscono diversi gradi di erosione a causa delle intemperie e della loro stessa natura fragile. Di conseguenza, la conservazione del patrimonio è diventato un compito estremamente urgente nonché fondamentale.

Mappa Lab e la Winter School: il linguaggio R per gli archeologi

Mappa Lab e la Winter School: il linguaggio R per gli archeologi

La Winter School “R 4 Rcheologists” mira a una fruttuosa combinazione di archeologia e statistica attraverso l’insegnamento delle tecniche di analisi dei dati, data mining e visualizzazione dei dati. I partecipanti impareranno i concetti e i metodi di analisi univariata e multivariata, analisi spaziale e visualizzazione dei dati attraverso un uso integrato di pacchetti software ecosistemici R, principi statistici e pratici.

Tags:
Beni Culturali e Intelligenza Artificiale

Beni Culturali e Intelligenza Artificiale

L’ ultima frontiera informatica è l’ intelligenza artificiale, in effetti l’ evoluzione tecnologica mette ormai a disposizione di tutti le quantità di storage necessarie al machine learning e gli algoritmi open source di chatbot o veri e propri bot da attivare in vari ambienti. E’ quindi possibile ormai applicare la AI anche al campo dei BB.CC. e subito vengono in mente le analisi predittive, il riconoscimento delle immagini, l’attribuzione delle opere ecc..

Tuttavia a mio parere questo tipo di applicazioni sono abbastanza vulnerabili per la legge del garbage in - garbage out; nel campo dei BB.CC. infatti non c’è una abbondanza di dati tale da consentire l’ uso delle tecnologie di analisi di BigData (ed è risaputo che se il campione è insufficiente anche le migliori analisi falliscono) e anche l’ accuratezza e l’affidabilità dei dati è quanto meno variabile. Il limite che vedo è che un BOT è forzato, entro certi limiti, a fornire un risultato mentre l’ intelligenza umana ha ancora una migliore coscienza dei propri limiti ed evita di giungere a conclusioni in caso di dati insufficienti.

CHNT
CHNT
/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo