NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Mercoledì, 07 Giugno 2017 08:33

Archeomatica 1 2017

Redazione Archeomatica
 archeo 1 2017

 

 

PUOI RICEVERLO IN SPEDIZIONE CARTACEA O DOWNLOAD DIGITALE 
 
 
 
UNA PREVIEW ON-LINE E' DISPONIBILE A 
 

Online il Numero 1 2017 di Archeomatica - Tecnologie per i Beni Culturali. L'editoriale del Direttore dal titolo "Lezioni non apprese", sottolinea come le tecnologie attuali cui disponiamo possano essere di grande aiuto per la definizione e prevenzione del rischio del patrimonio edilizio storico.

Nella sezione Documentazione ospitiamo un articolo che tratta i primi risultati del rilievo archeologico delle fortificazioni della città di Tyndaris, tramite l’utilizzo integrato di varie metodologie e tecniche di acquisizione. Queste mura sono un interessante esempio di architettura militare la cui cronologia è ancora ampiamente dibattuta. In particolare i primi risultati hanno interessato il rilievo della cosiddetta porta a tenaglia e un tratto delle mura dell'antica città di Tindari, situata 70 km a ovest di messina. L'articolo "Un inusuale uso di uno scanner 2D per l’ottenimento di immagini ad alta risoluzione ed elevata profondità di campo di artefatti e oggetti tridimensionali" verte sulle diverse applicazioni di uno scanner 2D considerandone limiti e vantaggi.

Nella sezione Musei il consorzio CETMA - Area Virtual, Augmented Reality & Multimedia presenta un caso studio per la valorizzazione dei sotterranei del Castello di Otranto, dove olografia e utilizzo di sistemi di comunicazione avanzati tramite beacon promuovono nuovi modelli di valorizzazione e fruizione del nostro patrimonio culturale. Il secondo articolo della suddetta sezione presenta un lavoro di ricerca su applicazioni mobili sviluppate secondo il paradigma del learning by interacting. I contenuti della applicazione, rilasciata da Università Politecnica delle Marche per la Galleria Nazionale delle Marche, oltre a fornire informazioni storiche validate scientificamente da storici dell’arte ed esperti della Galleria, provengono da acquisizioni di dipinti ad altissima definizione che costituiscono la base per tutte le funzionalità.

Il numero si chiude con un articolo della sezione Guest Paper di Eisuke Nishikawa sul tema delle contromisure sviluppate in Giappone per la salvaguardia del costruito storico a fronte dei danni da terremoti.

Buona lettura dalla Redazione!

In questo numero:
EDITORIALE
Lezioni non apprese, di Renzo Carlucci

DOCUMENTAZIONE
6 Integrazioni Tecnologiche e Rilievo Archeologico - Il caso di Tindari
di Dario Angelini, Michele Fasolo, Domenico Santarsiero, Marco Sfacteria

14 Un inusuale uso di uno scanner 2D per l’ottenimento di immagini ad alta risoluzione ed elevata profondità di campo di artefatti e oggetti tridimensionali
di Ernesto Borrelli

MUSEI
24 Olografia e sistemi di comunicazione avanzati per i sotterranei del Castello di Otranto
di Ferdinando Cesaria, Francesco Argese, Italo Spada, Giuseppe de Prezzo, Corrado Pino

28 Nuove applicazioni di Realtà Aumentata per il learning by interacting - La app Ducale: tre capolavori della Galleria Nazionale delle Marche
di Paolo Clini, Emanuele Frontoni, Berta Martini, Ramona Quattrini, Roberto Pierdicca

GUEST PAPER
34 Development of earthquake countermeasures on heritage buildings in Japan
by Eisuke Nishikawa

RUBRICHE: AGORÀ, AZIENDE E PRODOTTI, EVENTI

È possibile abbonarsi alla rivista in formato cartaceo e digitale su www.geo4all.it

 

I singoli articoli saranno presto disponibili per gli autori in Open Access QUI

Ultima modifica il Mercoledì, 21 Giugno 2017 18:40
Altro in questa categoria: « Archeomatica 4 2016

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

itsqarhyzh-CNnlenfrdejaptrues
archeomatica su twitter
http://www.digitalmeetsculture.net
UAV Expo Europe

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo