NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

ARCHEOMEDSITES: uso di modelli di gestione per i siti archeologici

archeomed-sitesLa gestione dei siti archeologici e delle aree urbane nei paesi dell'area mediterranea deve ancora essere sviluppata attraverso l'impiego di buone pratiche focalizzate sulla sostenibilità e che assicurino la valorizzazione del patrimonio storico e culturale così come la sua protezione e conservazione.

Così si presenta il progetto ARCHEOMEDSITES che "vuole aumentare le capacità di pianificazione strategica delle istituzioni centrali e e locali nel governo e gestione di siti storici ed archeologici selezionati mediante lo scambio di conoscenze e buone pratiche".
Le attività saranno effettuate in Italia, Libano e Tunisia: le esperienze reciproche, complementari e le esigenze comuni saranno confrontate e condivise a beneficio dei patrimoni di questi paesi che sarà migliorato grazie all'adozione di concreti piani di gestione e manutenzione.
Il progetto è coordinato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali ed il Turismo e verrà realizzato in collaborazione con l'Istituto Nazionale per il Patrimonio INP della Tunisia, il Ministero della Cultura del Libano, l'Università di Sassari, Federculture, la soprintendenza Archeologica di Salerno, Avellino, Benevento, Caserta, ARCHEOSA, la Soprintendenza Archeologica di Cagliari e Oristano, ARCHEOCA, i Comuni di Siena, Firenze, Carbonia, Ricerca e Sviluppo Lazio.
Il progetto verrà presentato martedì 1 aprile 2014 a Roma presso l'Associazione della stampa estera (via dell'Umiltà 83/C) alle ore 11.30.

 

Ulteriori informazioni su: http://www.enpicbcmed.eu/

 

Fonte: MiBACT

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo