NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

itzh-CNenfrdejaptrues
Realtà aumentata per la fruizione del Palazzo Ducale di Sora

Realtà aumentata per la fruizione del Palazzo Ducale di Sora

 

Nel numero 2 2015 della rivista Archeomatica - Tecnologie per i Beni Culturali è stato pubblicato l’articolo “La Sora scomparsa di fine ‘800. Una ricostruzione virtuale della città a 100 anni dal terremoto della Marsica del 1915” (pagg.22-27) di Paolo Accettola e Giuseppe Accettola. Il progetto di ricostruzione 3D è stato proseguito utilizzando la tecnologia della realtà aumentata.

L’Ing. Paolo Accettola e l’Arch Giuseppe Accettola hanno collaborato con la società Inglobe Technologies, per sperimentare la piattaforma Hyperspaces e usare quindi la Realtà Aumentata offire un’esperienza di fruizione unica permettendo di dar vita ad un pezzo di città che a causa di un terribile terremoto, non esiste più.
In occasione dell’anniversario del centenario del terremoto della Marsica del 1915, si è scelto di far rivivere il Palazzo Ducale, un imponente edificio oggi non più visibile.

I dati sono stati caricati sulla piattaforma verificando la corretta visualizzazione dei dati via web, la resa del contenuto digitale in modalità AR e l’influenza dell’illuminazione della luce solare sul tool che utilizza l’algoritmo di tracking impiegato.

La figura mostra il risultato finale dell’esperienza AR, con la visualizzazione del vecchio edificio del Palazzo Ducale, sovrapposto all’edificio attuale, come mostrato dallo schermo di un iPad e dal relativo screenshot.

 

La descrizione completa del progetto è disponibile sul blog di Inglobe Technologies a questo link

Leggi l’articolo: La Sora scomparsa di fine ‘800. Una ricostruzione virtuale della città a 100 anni dal terremoto della Marsica del 1915

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.

Abbonatevi CLICCANDO QUI  


/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo