NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Disponibili i documenti finali del progetto eCultValue sulle tecnologie per i beni culturali

ecult vademecumSi è concluso dopo due anni di lavoro il progetto europeo eCultValue. I risultati dell’attività di monitoraggio della domanda e dell’offerta di tecnologia nel settore dei Beni Culturali e delle possibilità di sviluppo sono riassunti nella Vision Paper ora disponibile gratuitamente dal progetto stesso.

l progetto eCultValue è iniziato a febbraio 2013 per sostenere e incoraggiare l'uso delle nuove tecnologie che hanno il potenziale di rivoluzionare nuovi modi per accedere ai beni culturali e le esperienze offerte dalle risorse culturali in ambienti reali e virtuali o un mix di entrambi .
eCultValue gode della collaborazione delle principali stakeholders nel settore ICT e nel campo della cultura ed ha usufruito di un consorzio  internazionale dei principali paesi europei che contano la maggior parte del Patrimonio culturale mondiale patrimonio. Il eCultValue è composta dal Research and Innovation Centre in Information, Communication and Knowledge Technologies ATHENA, Grecia, European Forum o e-Excellence, Regno Unito, Association for Culture and Education Kibla, Slovenia, The European Museum Forum, Regno Unito, Cultural Heritage on-line , Francia, e ESOCE, Italia (coordinatore).

L’osservatorio sul settore andrà avanti e sono già previsti altre occasioni di incontro per continuare a discutere sul tema del rapporto fra tecnologia e Beni Culturali. 

Sono ora disponibili i seguenti materiali (pdf):

- eCult Vision Paper per l'uso delle tecnologie ICT per i beni culturali
- eCult Vademecum - ulna guida per i muse per sviluppare una strategia tecnologica

Sito web: www.ecultobservatory.eu 

Fonte: SoluzioniMuseali

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo