NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

metaFAD Sistema di gestione integrata dei Beni Culturali

Il 30 marzo presso il Mibact, Sala Spadolini, è stato presentato un prodotto open source denominato "metaFAD", un sistema di gestione integrata per i Beni Culturali. A seguire troverà spazio un workshop sulle caratteristiche tecniche della piattaforma.

Nel 2013 cinque istituti culturali napoletani - l’Istituto Italiano per gli Studi Storici, il Pio Monte della Misericordia, la Società Napoletana di Storia Patria, la Fondazione Biblioteca Benedetto Croce, la Cappella del Tesoro di San Gennaro – decidono di destinare ad un progetto condiviso i fondi europei assegnati a ciascuno di essi dalla Regione Campania per creare un ambiente software unico in grado di supportare i complessi processi di lavoro legati alla descrizione e valorizzazione dell’importante patrimonio culturale che custodiscono.

La collaborazione si estende negli anni successivi ai tre Istituti Centrali del MIBACT e si concretizza nella creazione della piattaforma open-source Metafad: un ambiente integrato per la descrizione, la digitalizzazione e la fruizione di beni librari, archivistici e museali.
Un prodotto open source che rende semplice gestire i diversi aspetti della descrizione e della valorizzazione del patrimonio: dalla digitalizzazione e pubblicazione del patrimonio dematerializzato all’erogazione dei servizi all’utenza e all’e-commerce, garantendo al contempo l’apertura e l’integrazione verso i principali cataloghi e aggregatori nazionali e internazionali.
MetaFAD è rilasciato con licenza MIT, disponibile da aprile del 2017.

La giornata di presentazione è proseguita con un WORKSHOP di approfondimento sulle caratteristiche tecniche e i servizi della piattaforma applicativa.

Fonte: Mibact

itsqarhyzh-CNnlenfrdejaptrues
/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo