NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Nuove scoperte confermano un uso degli allucinogeni tra gli Indiani in America

Il Laboratorio di Paleoeconomia dell'uomo e Archeometria dell'Università del Nevada, Reno, ha recentemente condotto delle analisi specialistiche su dei campioni di fiori di Datura wrightii masticati, ritrovati all'interno della Pinwheel Cave, nella California meridionale. Le indagini archeologiche condotte in questa grotta hanno rinvenuto anche delle raffigurazioni rupestri di questo fiore, noto soprattutto per le sue proprietà allucinogene e tossiche.

La Pinwheel Cave venne notata per la prima volta verso la fine degli anni '90 dall'équipe che gestisce la Riserva del Wind Wolves e ufficialmente registrata nei primi anni 2000. I ricercatori hanno ritrovato al suo interno delle tracce di arte rupestre attribuita alla tribù indiana dei Tejon, con delle figure "sospettosamente simile alla Datura", un fiore sacro caratterizzato dalla forma di girandola, assieme a un certo numero di esemplari masticati dello stesso. 

Christopher Jazwa, Assistente professore presso il College of Liberal Arts e responsabile del laboratorio, ha effettuato delle analisi al radiocarbonio sui reperti: dopo aver raschiato accuratamente lo sporco dai campioni e pulito tramite soluzioni chimiche, li ha inseriti in dei sottili tubi sigillati di quarzo e bruciati per per rilasciare l'anidride carbonica. I tubi sigillati sono stati poi spediti al Laboratorio dello Spettometro di accellerazione di massa (AMS) della Penn State, per seguire le misurazioni finali utilizzando delle apparecchiature specializzate.

Il professor Jazwa ha successivamente studiato e confrontato i dati ottenuti dalle analisi. Attraverso un software statistico, il laboratorio ha notato che i campioni più antichi sono datati tra il 1530-1655 d.C., mentre il campione più recente era datato al 1680-1865 d.C. "Quindi, possiamo dire con certezza che questi campioni provenivano dagli ultimi 500 anni (...)  Ciò significa che questi reperti non sono stati tutti collocati nelle fessure del soffitto allo stesso tempo, e le persone hanno preso gli allucinogeni nella grotta per almeno diverse generazioni e forse anche di più" ha detto il professor Jazwa. 

È difficile interpretare le figure rupestri ritrovate nella Pinwheel Cave, perché le immagini sono solitamente astratte e in molti casi è difficile notare il soggetto. L'analisi dei dati che il laboratorio ha eseguito sui campioni di Datura e il loro confronto dei campioni scoperti con l'arte rupestre indicano che sono stati presi allucinogeni durante la creazione dell'arte rupestre e i dipinti rappresentano la pianta stessa. 

I fiori di Datura attestati nella California nativa erano storicamente noti come parte delle iniziazioni adolescenziali, dove i giovani bevevano la radice lavorata della pianta. I risultati dello scavo nel sito suggeriscono anche che la Pinwheel Cave era probabilmente uno spazio comune in cui le persone si sarebbero riunite per la caccia e la raccolta. Le scoperte di arte rupestre e dei fiori di Datura mostrano che l'arte ha svolto un ruolo di primo piano nella vita quotidiana della comunità locale. 

La Pinwheel Cave continuerà a essere scavata per analizzare i diversi artefatti. Il professor Jazwa intende continuare il suo lavoro di condurre analisi al radiocarbonio su reperti archeologici provenienti da una varietà di siti nella California meridionale. Ciò include i siti "cache" che contengono un gran numero di cesti e altri articoli organici. Ha anche in programma di lavorare con i colleghi per sviluppare modelli cronologici per l'occupazione umana di una varietà di siti nella Riserva Wind Wolves.

Fonte: Nevada Today 

 

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.

Abbonatevi CLICCANDO QUI  


/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo