NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Dal MIUR nuovi fondi per l'alta tecnologia

Il Ministero dell' Istruzione, Universita' e Ricerca ha sottoscritto gli accordi di programma con le Regioni Convergenza per il potenziamento e la creazione dei Distretti ad alta tecnologia, e laboratori pubblico privati, previsti nell'ambito del PON Ricerca e Competitivita'.

Le risorse stanziate ammontano ad oltre 950 milioni di euro (148 milioni per la Calabria, 349 milioni per la Campania, 223 milioni per la Puglia, 232 milioni per la Sicilia) e saranno rese disponibili a partire dal mese di ottobre.

 

"Gli accordi sono destinati a favorire il rafforzamento del potenziale scientifico e tecnologico delle Regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, e danno attuazione a progetti di ricerca, sviluppo e formazione caratterizzati dall'impiego di nuove tecnologie, presentati da Universita', Enti di Ricerca, Centri di ricerca pubblici e privati, grandi, piccole e medie imprese.

Le iniziative finanziate sono in linea con i nuovi obiettivi delle politiche della ricerca e dell'innovazione definiti dal Miur, che puntano a una maggiore selettivita' dei progetti concentrando gli interventi su pochi e piu' rilevanti ambiti tecnologici di interesse per il nostro Paese: biotecnologie, aerospazio, nuovi materiali e nanotecnologie, ICT, energia e ambiente, trasporti e mobilita' sostenibile, agroalimentare, beni culturali.

Per ciascun ambito sono state selezionate le migliori proposte in grado di generare le ricadute piu' significative sulla competitivita' dei territori, per fare da volano per l'attrazione di investimenti e di talenti, per favorire il trasferimento tecnologico e di conoscenze verso il sistema delle imprese e creare le condizioni per lo sviluppo di nuove occasioni di lavoro per nuovi profili professionali".

 

Fonte: ASCA

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo