NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Premiato il protocollo di Arc-Team per la ricostruzione facciale con software aperto

Dal 4 al 6 settembre 2014 si è svolto a Florianòpolis il dodicesimo Congresso Brasiliano di Odontoiatria Forense. L'evento biennale è caratterizzato da convegni e workshop con la partecipazione di forensi professionisti provenienti da Brasile, Uruguay, Perù e Stati Uniti. 

I partecipanti hanno potuto presentare poster e brevi descrizioni orali per ottenere premi per i migliori lavori accademici. La presentazione dal titolo "Protocollo per la ricostruzione facciale con software aperto: metodo di semplificazione utilizzando MakeHuman" è stata una delle vincitrici. 

In questo lavoro, gli autori Cicero Moraes (membro Arc-Team) e il dottor Paulo Miamoto  hanno spiegato come l'applicazione di MakeHuman alla ricostruzione facciale forense può aiutare questa tecnica, semplificando e individuando il processo di modellazione anatomica, oltre a permettere all'operatore di regolare il modello umanoide 3D dei tessuti molli e altri parametri oggettivi che utilizzano la modalità di esportazione Blender.

Il metodo è stato presentato anche in una delle conferenze ufficiali della manifestazione dal Dr. Miamoto. Moraes, un designer 3D, e Miamoto, un dentista forense, sono membri della ONG "Squadra Brasiliana di Antropologia Forense e Odontoiatria Legale - Ebrafol", una organizzazione no-profit che si propone la promozione dei diritti umani, applicando le conoscenze delle suddette scienze. Una delle aspettative di Ebrafol è fornire unità forensi ufficiali con la formazione sulla tecnologia 3D utilizzando software open. 

La notizia è stata segnalata anche sul sito: http://www.makehuman.org/blog/makehuman_for_forensic_face_reconstruction_and_crime_investigation.html 

 

Fonte: Arc-Team

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo