NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Inaugurata Ipanema, la piattaforma europea per la ricerca applicata ai materiali antichi

ipanema

Visualizzare in dettaglio l'anatomia di un fossile senza rovinarlo, analizzare i processi di alterazione del blu di Prussia, studiare i fossili utilizzati come traccianti paleoambientali, rintracciare le vie di circolazione del ferro archeologico: ecco alcuni esempi dei temi di ricerca dietro la creazione di Ipanema, l'Istituto di Fotonica di analisi non distruttiva europea di materiali antichi, realizzato in Francia dal CNRS e il Ministero della Cultura e della Comunicazione. Questo impianto, unico al mondo, è dedicato allo studio avanzato di materiali antichi, è affiancato al sincrotrone SOLEIL, a Saint- Aubin sull'altopiano di Saclay.

E' stato inaugurato lo scorso 12 settembre 2013, alla vigilia delle Giornate Europee del Patrimonio, da Geneviève Fioraso, Ministro dell'istruzione superiore e della ricerca, Jean-Paul Huchon, presidente della Regione Ile- de-France, e dai rappresentanti del Ministero della Cultura e della Comunicazione, il CNRS, il Museo nazionale di Storia Naturale, il sincrotrone SOLEIL , NWO 1 e la Smithsonian Institution degli Stati Uniti.

I materiali antichi ci danno informazioni preziose sulla nostra storia . Ma loro sono fragili, eterogenei e difficile da modellare. Il loro studio prevede la realizzazione di strategie analitiche originali e appropriate. Archeologi, paleontologi, scienziati della conservazione e degli ambienti antichi hanno sviluppato sul sito del sincrotrone SOLEIL, una struttura che soddisfi appieno le loro esigenze: Ipanema, l'Istituto di Fotonica analisi non distruttiva europea di materiali antichi. A livello internazionale, Ipanema è la principale struttura dedicata ai materiali antichi materiali su un grande strumento. Il suo team accompagna lavori di sincrotrone di punta e sviluppa una metodologia originale nella diagnostica per immagini e nell'analisi dei dati.

La creazione di questa nuova piattaforma di ricerca è costituita da due importanti operazioni: la costruzione di un edificio di 1800 mq, che rispettano le esigenze ambientali e del patrimonio, quelle di una nuova linea di luce di sincrotrone dedicato ai materiali antichi, Puma (Photons Utilisés pour les Matériauz Anciens - Fotoni utilizzati per materiali antichi).

  

Il nuovo edificio offre spazi sperimentali dedicati alla preparazione, caratterizzazione dei materiali antichi e lo sviluppo strumentale. Può ospitare insieme agli scienziati del laboratorio scientifico altri team francesi, europei ed internazionali per progetti "ospitati" per periodi fino a tre anni.

La linea Puma alimenterà due stazioni sperimentali di immagini 2D e 3D ad una risoluzione dell'ordine di un micron. Dal 2014, questa linea ottimizzata per lo studio dei materiali antichi permetterà la caratterizzazione di campioni provenienti dalle collezionistoriche e di ridurre al minimo il tempo di impiego su campioni complessi.

 

Ulteriori informazioni (brochure)

 

Fonte: CNRS

 

 

TFA 2019
TFA 2019
/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo