NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Lunedì, 02 Febbraio 2015 09:21

In mostra i risultati delle ricerche nella Chiesa di San Biagio a Calimera

SanBiagio Calimera InCultureIl 3 febbraio si celebra San Biagio. Come da tradizione la Chiesa semi ipogea, presente all’interno dell’omonima Masseria di Melendugno, diventa luogo di pellegrinaggio per le comunità dei paesi limitrofi. Il progetto In-Culture prenderà parte alla festa per presentare i risultati delle attività di ricerca, condotte sulla chiesa di San Biagio a Calimera e l'area circostante con i seguenti obiettivi: valutare lo stato di conservazione del bene; caratterizzare materiali, tecniche esecutive e degrado della decorazione pittorica; verificare la presenza di strutture di interesse archeologico nell’area circostante la chiesa.

Per l’intera durata delle celebrazioni sarà possibile conoscere da vicino il lavoro svolto negli ultimi due anni, realizzato in collaborazione con l’Ibam-Cnr di Lecce, il Laboratorio di Restauro di Torino e sotto l’alta sorveglianza delle competenti Soprintendenze della Puglia.

Sempre all’interno della Masseria San Biagio, insieme alla degustazione dei suoi prodotti tipici e alle visite guidate nella Chiesa a cura dell'associazione Ghetonìa (a partire dalle 15), sarà allestita l'esposizione fotografica"Da qui non si vede il mare - Il paesaggio della Grecìa Salentina", che rimarrà aperta per due settimane (dal 3 al 15 febbraio; h. 10-18) nelle stanze della "Sala conferenze”.

La mostra, realizzata in collaborazione con 34°Fuso, coinvolge e accoglie i lavori di Marco Rizzo, Enrico Floriddia, Silvia Cesari e Paolo Colaiocco. Partendo dai luoghi studiati da In-Culture - vincitore del bando Smart Cities and Communities and Social Innovation, co-finanziato dal Miur - “Da qui non si vede il mare” vuole offrire uno strumento di lettura inedito, un attrezzo culturale utile ad avviare i visitatori verso un processo di conoscenza e riflessione sul territorio di riferimento.

L’esposizione fotografica, allestita per la prima volta nel mese di agosto 2014 all’interno del Castello De’ Gualtieriis di Castrignano De Greci, ha visto la partecipazione di oltre mille visitatori. I casi studio di In-Culture ritornano quindi in mostra per far conoscere da vicino le azioni di promozione e valorizzazione avviate sul patrimonio della Grecìa Salentina, arricchite con nuovo materiale fotografico estratto dal calendario “Tra visioni e paradossi – La Grecìa Salentina di Piero Marsili Libelli” (info).

Un rito religioso e pagano, quello della festa di San Biagio a Calimera, che nel corso del tempo ha perso la sua centralità, lasciando alla memoria storica il compito di narrarne l’antica tradizione. Come ha scritto il poeta popolare Cici Cafaro, classe 1923, tra i primi organizzatori della Festa: "Le tradizioni non le fate morire, perché è un patrimonio tramandato e non può essere abbandonato".

In-Culture continua così la strada del racconto sui beni oggetto di studio, guardando al passato e immaginando nuovi futuri possibili per innovare il sistema del patrimonio, delle attività culturali e del turismo nel territorio dell’Unione dei Comuni della Grecìa Salentina.

 

Scarica la scheda del progetto


Progetto In-Culture - Innovazione nella cultura, nel turismo e nel restauro
www.inculture.eu 
www.facebook.com/futuripossibili 

 

Fonte: In-Culture

 

Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:36

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sea Drone Gallipoli

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo