NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Venerdì, 28 Agosto 2015 12:19

Analisi a raggi x aiutano ad identificare il blu egiziano in antichi ritratti di mummie di epoca romana

Dopo essere rimasti intatti per più di 100 anni, 15 ritratti di epoca romana di mummie egiziane e dipinti su tavola sono stati sottoposti ad un intervento di conservazione da scienziati e restauratori d'arte della Northwestern University e del Museo di Antropologia Phoebe A. Hearst mettendosi ad indagare i materiali che gli artisti utilizzarono quasi 2.000 anni fa.

Ciò che i ricercatori hanno scoperto li ha sorpresi perché è nascosto ad occhio nudo: gli artisti antichi hanno utilizzato il pigmento blu egiziano come materiale per disegni preparatori e per modulare il colore, un risultato mai documentato. Perché il blu deve essere prodotto, e di solito è riservato per usi molto importanti e non nascosto sotto altri colori.

"Questo sfida le nostre aspettative su come sia stato utilizzato il blu egiziano", ha dichiarato Marc Walton, professore associato di scienza dei materiali e ingegneria presso la Northwestern ed esperto del colore blu. "La scoperta cambia la nostra comprensione di come questo particolare pigmento sia stato utilizzato dagli artisti nel II secolo d.C. Ho il sospetto che inizieremo a trovare impieghi insoliti di questo colorante in un alto numero di diverse opere d'arte, come pitture murali e sculture."

I migliori pittori di epoca romana hanno cercato di emulare pittori greci, che erano considerati i maestri di questa forma d'arte. Prima del periodo greco, il blu egiziano è stato utilizzato in tutto il mondo in tutto il Mediterraneo - in affreschi, su templi, per rappresentare il cielo notturno, come decorazione. Ma per i Greci la loro tavolozza si basava quasi esclusivamente su giallo, bianco, nero e rosso.

"Quando si guarda i ritratti di Tebtunis che abbiamo studiato, questo è tutto quello che vedi, quei quattro colori", ha detto Walton. "Ma quando abbiamo cominciato a fare la nostra analisi, tutto ad un tratto abbiamo iniziato a vedere strane occorrenze di questo pigmento blu, che crea luminescenza. Abbiamo concluso che, anche se i pittori cercavano di non mostrare che stavano utilizzando questo colore, stavano definitivamente usando blu. "

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Applied Physics A. La collaborazione di ricerca fa parte del Northwestern University-Art Institute of Chicago Centere for Scientific Studies in the Arts (NU-ACCESS), per il quale Walton è scienziato senior.

"I nostri risultati confermano la distinzione tra la natura visiva e fisica dei manufatti - aspettatevi l'inaspettato quando iniziate ad analizzare un'opera d'arte", ha detto Jane L. Williams, conservatore presso il Museo Hearst e co-autore, insieme a Walton, dello studio. "Vediamo come questi artisti manipolavano una piccola tavolozza di pigmenti, tra cui questo insolito uso del blu egiziano, per creare una gamma molto più ampia di colori."

I ricercatori hanno studiato 11 ritratti di mummie e quattro frammenti di pittura del pannello. I 15 dipinti sono stati scavati tra il dicembre 1899 e l'aprile 1900 presso il sito di Tebtunis (ora Umm el-Breigat) nella regione Fayum d'Egitto. Ora sono alloggiati nelle collezioni del Museo Hearst della University of California, Berkeley.

I fragili ritratti di mummie sono dipinti molto realistici su specifiche persone morte. Ogni ritratto sarebbe stato integrato nelle bende da mummia e collocato direttamente sul volto di una persona, ha spiegato Williams.

Lavorando per il trattamento di conservazione di questi dipinti, Williams aveva molte domande senza risposta in merito ai loro materiali e le tecniche, ma senza una divisione di scienza della conservazione al Museo Hearst, aveva pochi mezzi per investigare. Lavorando con NU-ACCESS ha presentato una perizia tecnica completa dei quadri, ha dichiarato Williams.

Walton e il suo team della Northwestern hanno portato le proprie competenze nell'analisi scientifica dei materiali del patrimonio culturale e alcune delle più recenti tecnologie per l'analisi non distruttiva di opere d'arte al Museo Hearst. Lo studio ha rivelato rapidamente alcune sorprese.
I ricercatori hanno scoperto gli usi inaspettati di blu egiziano- il primo pigmento artificiale, ispirato al lapislazzuli, il vero blu - utilizzando un insieme di diverse tecniche analitiche di routine, come la fluorescenza a raggi X e diffrazione di raggi X. Sei dei 15 dipinti hanno mostrato l'insolito uso del blu.
I pittori qualificati impiegavano il blu per i disegni preparatori, per modulare i vestiti, realizzare l'ombreggiatura sui capi di abbigliamento ed altri utilizzi non necessariamente intuitivi di blu egizio, pigmento utilizzato per millenni prima che questi dipinti fossero realizzati.
"Stiamo ipotizzando che l'azzurro abbia una qualità lucida, che brilli un po' quando la luce colpisce il pigmento in un certo modo", ha detto Walton. "Gli artisti potevano sfruttare queste proprietà del colore blu che potrebbero non necessariamente essere intuitivo e per noi al primo sguardo."
La ricerca su questi dipinti, che è in corso, contribuirà al progetto di studio collaborativo internazionale Ancient Panel Paintings: Examination, Analysis and Research (APPEAR), avviato dal J. Paul Getty Museum. APPEAR mira a creare un database digitale internazionale per raccogliere informazioni storiche, tecniche e scientifiche su ritratti romani egiziani.

"La nostra collaborazione con NU-ACCESS rende possibile per il Museo Hearst di contribuire a questo progetto a livello di musei molto più grandi, come il Getty o il British Museum, che hanno divisioni in scienza della conservazione", ha detto Williams.

L'articolo pubblicato è intitolato "Investigating the use of Egyptian blue in Roman Egyptian portraits and panels from Tebtunis, Egypt". Oltre a Walton e Williams, altri autori sono Monica Ganio (primo autore), Johanna Salvant e Oliver Cossairt, della Northwestern, Lynn Lee del Getty Conservation Institute.


Fonte: Northwestern University

Immagine: Ritratti di epoca romana di mummie egiziane dal sito di Tebtunis, in Egitto, mostrati in luce visibile, con nessun colore blu visibile ad occhio nudo. In una scoperta inaspettata, un gruppo di ricerca di scienziati e restauratori d'arte ha trovato il pigmento sintetico Blu egiziano presente in tutti e tre i dipinti. (Credit: Phoebe A. Hearst Museum of Anthropology, University of California, Berkeley)

 

Ultima modifica il Venerdì, 28 Agosto 2015 12:39

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo