NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Giovedì, 12 Maggio 2016 15:13

Vetri antiriflesso per una migliore esposizione delle collezioni museali

Osiride, i misteri sommersi d’Egitto, Institut du Monde Arabe, Parigi Osiride, i misteri sommersi d’Egitto, Institut du Monde Arabe, Parigi Philippe Chancel © Franck Goddio / Hilti Foundation

Guardian produce Clarity usando la tecnologia di coating magnetronico del vetro più avanzata, permettendo, al vetro Guardian Clarity dei valori di trasmissione luminosa del 97% e riflessione inferiore all'1% rispetto al vetro float per l'architettura che offre una trasmissione luminosa del 90% ed una riflessione dell’8%. Il tono di riflessione residua di Clarity è un morbido blu neutro che, in combinazione con il substrato Guardian UltraClear™, gli consente di assicurare la massima trasparenza e allo stesso tempo ridurre al minimo la riflessione e l’abbagliamento indesiderati.

Oggi più che mai la museologia ha un compito triplice per quanto riguarda le mostre: evidenziare, proteggere e preservare. La scelta di un vetro sbagliato non solo avrà un effetto negativo sull’estetica a causa della riflessione propria e degli abbagliamenti, ma la luce e i raggi ultravioletti indesiderati possono danneggiare o far sbiadire i colori dei manufatti esposti. Pertanto gli operatori museali in tutta Europa stanno scegliendo di usare il vetro Guardian Clarity in alcune delle loro applicazioni più esigenti, con risultati eccellenti.

La Médiathèque Pierre Amalric d’Albi, nel sud della Francia, ad esempio, ha scelto Clarity per una vetrina personalizzata, lunga 7 metri, per alloggiare alcuni dei libri storici più rari e preziosi. “Il vetro antiriflesso Guardian Clarity ha soddisfatto le tre condizioni del museo per la vetrina: conservazione, estetica, e valore economico” ha dichiarato il direttore del museo Jocelyne Deschaux.

Per quanto riguarda la nuova bacheca, la Sigra Deschaux ha detto: “Sono molto soddisfatta del risultato ottenuto grazie all' antiriflesso Guardian Clarity, posso dichiarare che i visitatori sono stati davvero contenti dell’aspetto della vetrina.”

A Utrecht, nei Paesi Bassi, il Centraal Museum ha installato il vetro Guardian Clarity per proteggere ed esporre una rara collezione di dipinti e disegni dell'artista Olandese del Cinquecento Joachim Wtewael. Kristine Kavelaars, Senior Project Coordinator presso il Centraal Museum, ha descritto il Clarity come un “vetro dalle caratteristiche inaspettate”, aggiungendo “Devo dire che non ho mai visto nulla di simile a questo effetto ‘senza vetro’. Anche molti dei nostri visitatori non erano coscienti della presenza del vetro finché questo ha impedito loro di toccare i dipinti.”

Anche gli organizzatori di “Osiride, i misteri sommersi d’Egitto”, una mostra itinerante di inestimabili ed antichi manufatti egizi, hanno optato per il vetro Clarity antiriflesso su entrambi i lati per le loro vetrine. Questa mostra accoglie manufatti vecchi di secoli riscoperti recentemente nelle profondità dell’alveo del fiume Nilo in Egitto (foto in alto).

Guardian Industries’ Glass Group in Europa esporrà le soluzioni in vetro Clarity per vetrine presso l'area espositiva dell'International Council of Museums (allo stand n°41 ) che si svolgerà a Milano dal 4 al 6 luglio durante la Conferenza Generale ICOM Milano 2016 (3 - 9 Luglio 2016).

Per maggiori informazioni, visitate: www.guardianclarity.com

 

Fonte: Guardian Industries

Ultima modifica il Giovedì, 12 Maggio 2016 15:23

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo