NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Lunedì, 08 Aprile 2013 11:46

Un nuovo allestimento per il Museo di Scienze Naturali di Torino

AllestimentoTorino3L'8 Marzo 2013 è stata inaugurata la nuova esposizione permanente all'interno del  Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino, dal titolo "Lo spettacolo della natura. Storie di scienza e di mondi da conservare." Si tratta di un percorso museale multimediale articolato in tre macro-aree, dedicate alla “diversità della natura”, agli “adattamenti ed evoluzione” e alla biodiversità delle “foreste del Madagascar”, campo di ricerca del Museo.

Unicity SpA ha partecipato alla progettazione e realizzazione degli interventi multimediali interattivi e spettacolari, in lingua italiana e inglese, integrati nel percorso di visita. Il viaggio inizia nella sezione dedicata alle collezioni del museo, dove sono disponibili diversi approfondimenti in forma di postazioni multimediali interattive. Unicity ha curato, per ciascuna, anche tutta la fase di digitalizzazione fotografica delle collezioni, attraverso set specifici realizzati all’interno dei locali del museo. 

Ad accogliere il visitatore nell’esposizione, una grande proiezione di forte impatto scenografico sulla volta dell’intera sala. Attraverso la tecnica della multivisione in animazione 3D, il soffitto dell’ampia sala diventa la superficie del nostro pianeta, su cui uomini e animali passeggiano, corrono, vivono insieme nel susseguirsi delle stagioni. Le persone che popolano la proiezione sembrano camminare su un gigantesco pavimento di vetro, posto idealmente sopra la testa dei visitatori. 

AllestimentoTorino1 AllestimentoTorino2

Per la realizzazione dei movimenti sono state utilizzate sofisticate tecniche di animazione 3D e di motion capture, realizzate “catturando” i movimenti di attori reali ripresi con speciali telecamere. I movimenti sono stati poi adattati ai vari modelli digitali che attraversano la grande sala del museo, a quasi dieci metri di altezza.

All’interno della successiva sezione, dedicata all’evoluzione e alla selezione naturale, possiamo assistere alla multivisione dedicata a Charles Darwin. Un vero e proprio film spiega come il grande naturalista abbia vissuto un suo personale processo di evoluzione, terminato nella genesi della teoria che scuoterà per sempre le basi scientifiche sull’origine dell’uomo. 

La multivisione "Charles Darwin: un uomo che ha cambiato idea” è stata insignita del Blue Genius alla recente edizione dell'Internazionales Medienfestival di Villingen-Schwenningen.

La sezione ospita inoltre diversi interventi multimediali dedicati sia al tema della variabilità, con giochi interattivi e video-documentari naturalistici, sia al tema dell’evoluzione dal punto di vista delle “basi” su cui siamo costruiti: il DNA. I processi di replicazione del DNA sono spiegati al pubblico adulto e ai ragazzi attraverso animazioni grafiche realizzate interamente con tecniche di modellazione tridimensionale, uniche nel loro genere.

La modellazione tridimensionale di ogni singola parte dei filmati, dalle proteine alla cellula, è stata realizzata partendo dalle più recenti teorie sulla rappresentazione di quella complessa macchina biologica che è la replicazione del DNA. La scelta della resa finale dei componenti, volutamente divulgativa e di facile comprensione, ha comportato l’utilizzo di particolari tecniche di illuminazione e di texturing 3D.

dna museo_1 dna museo_2

La visita al museo termina nella sezione dedicata alla Foresta del Madagascar: i sistemi interattivi qui si fondono con la ricostruzione dell’ambiente della foresta. Ed è tra flora e fauna locale che la tecnologia messa in campo da Unicity si esprime con sistemi di interazione che uniscono luci, ricostruzioni fisiche, proiezioni e approfondimenti multimediali, perfettamente integrati con l’ambiente. Non solo l’ambiente del Madagascar è raccontato ma anche le sue tradizioni, le etnie e un folclore unico nel suo genere.

Il punto finale del viaggio è un’installazione dedicata alla ricerca del museo nel campo della conservazione delle specie più a rischio di estinzione. Personaggio principale è ovviamente il lemure, compito del visitatore è salvarlo scegliendo tra industrializzazione o salvaguardia in un gioco educativo, realizzato con tecnologia multitouch e utilizzabile quindi da più persone contemporaneamente.

La realizzazione dell’intervento nella sua interezza è stata affidata ad un raggruppamento di società italiane, esperte in progettazione e realizzazione di allestimenti museali e multimediali: Euphon Communication S.p.A., Torino - Unicity S.p.A., Roma -Space S.p.A., Prato - Campania Innovazione S.p.A., Napoli - Cinecittà Studios S.p.A., Roma - Kopa Engineering S.p.A., Torino. Il progetto è stato ideato da Giorgio Celli, studioso e divulgatore scientifico scomparso nel 2011.

 

Per ulteriori informazioni: 

Unicity 

www.unicity.eu 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

l’iBook dedicato all’intervento è disponibile su iTunes: http://tinyurl.com/cmgaqq7

 

Guarda il video:

Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:33

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sea Drone Gallipoli

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo