NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Tecnologia active beacons per la valorizzazione della Rocca di Gradara

La Rocca di Gradara si è dotata di innovativi strumenti digitali per la valorizzazione della propria visita museale. È stata infatti pubblicata la app “Rocca di Gradara”, disponibile gratuitamente sugli stores Android e iOS, grazie alla quale i visitatori potranno interagire con gli ambienti e le sale della Rocca stessa.

L’applicazione è stata progettata per comunicare con dei sensori Beacon (basati su tecnologia Bluetooth Low Energy), istallati nelle stanze e che forniscono un servizio di localizzazione degli utenti che la installeranno nei propri dispositivi. Questi ultimi, una volta entrati nel raggio di azione dei Beacons, vedranno comparire automaticamente una notifica che, oltre ad indicare la posizione, fornisce degli approfondimenti contestuali alla stanza in cui si trovano. L’ applicazione fornisce anche il servizio di audioguida ed un tour virtuale, realizzato con la tecnica della fotografia panoramica, che facilita la comprensione del percorso prima, durante e dopo la visita. Il progetto appena concluso ha previsto anche l’installazione di due monitor touch ad alta risoluzione i cui contenuti sono stati studiati con l’obiettivo di introdurre l’utente ad una visita più ricca e consapevole.

Il progetto è stato promosso e sviluppato sotto la supervisione della Dott.ssa Maria Claudia Caldari, in collaborazione con il DISTORI, gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e dell’ Architettura dell’ Università Politecnica delle Marche e realizzato dallo spin off EVE Enjoy Visual Experiences.

card.png


La realizzazione del progetto dimostra come il trasferimento tecnologico dal mondo accademico verso il mondo museale scaturisca esiti positivi, soprattutto in termini di valorizzazione del patrimonio culturale che, sposando la politica di un approccio digitale e intangibile, rende la conoscenza e la fruizione del nostro patrimonio libera e democratica.

Fonte: Redazionale

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo