NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Giovedì, 01 Giugno 2017 13:01

Tecnologia active beacons per la valorizzazione della Rocca di Gradara

Redazione Archeomatica

La Rocca di Gradara si è dotata di innovativi strumenti digitali per la valorizzazione della propria visita museale. È stata infatti pubblicata la app “Rocca di Gradara”, disponibile gratuitamente sugli stores Android e iOS, grazie alla quale i visitatori potranno interagire con gli ambienti e le sale della Rocca stessa.

L’applicazione è stata progettata per comunicare con dei sensori Beacon (basati su tecnologia Bluetooth Low Energy), istallati nelle stanze e che forniscono un servizio di localizzazione degli utenti che la installeranno nei propri dispositivi. Questi ultimi, una volta entrati nel raggio di azione dei Beacons, vedranno comparire automaticamente una notifica che, oltre ad indicare la posizione, fornisce degli approfondimenti contestuali alla stanza in cui si trovano. L’ applicazione fornisce anche il servizio di audioguida ed un tour virtuale, realizzato con la tecnica della fotografia panoramica, che facilita la comprensione del percorso prima, durante e dopo la visita. Il progetto appena concluso ha previsto anche l’installazione di due monitor touch ad alta risoluzione i cui contenuti sono stati studiati con l’obiettivo di introdurre l’utente ad una visita più ricca e consapevole.

Il progetto è stato promosso e sviluppato sotto la supervisione della Dott.ssa Maria Claudia Caldari, in collaborazione con il DISTORI, gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e dell’ Architettura dell’ Università Politecnica delle Marche e realizzato dallo spin off EVE Enjoy Visual Experiences.

card.png


La realizzazione del progetto dimostra come il trasferimento tecnologico dal mondo accademico verso il mondo museale scaturisca esiti positivi, soprattutto in termini di valorizzazione del patrimonio culturale che, sposando la politica di un approccio digitale e intangibile, rende la conoscenza e la fruizione del nostro patrimonio libera e democratica.

Fonte: Redazionale

Ultima modifica il Lunedì, 19 Giugno 2017 20:09

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

itsqarhyzh-CNnlenfrdejaptrues
archeomatica su twitter
http://www.digitalmeetsculture.net
UAV Expo Europe

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo