NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

SaveHer un’APP per la salvaguardia del Patrimonio Culturale attraverso la partecipazione attiva dei cittadini

L'Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali del Consiglio Nazionale delle Ricerche (IBAM-CNR) ha sviluppato, nell'ambito del Progetto Pro_Cult, finanziato con fondi PO-FESR Basilicata (2007-2013), un'applicazione per dispositivi mobili (tablet e smartphone) finalizzata alla salvaguardia del Patrimonio culturale attraverso la partecipazione attiva dei cittadini. L'App, denominata SaveHer (Save Heritage), è scaricabile gratuitamente dal Play Store di Google.

L'idea

I cittadini sono una potenziale risorsa per la tutela del Patrimonio culturale poiché sono dei “sensori” diffusi sul territorio. Grazie al loro aiuto, infatti, le istituzioni possono ricevere preziose e tempestive informazioni circa lo stato di conservazione dei monumenti. Ciò può contribuire alla programmazione di opportuni e mirati interventi di ripristino dello status pre-evento.

L'obiettivo

Coinvolgere i cittadini nella segnalazione di problematiche che interessano i monumenti (es.: chiese, castelli) in conseguenza di eventi naturali (es.:terremoti, frane, alluvioni), atti vandalici o incuria.

Partecipare attivamente

Ѐ possibile scaricare gratuitamente l’App SaveHer, disponibile gratuitamente dal PlayStore di Google. SaveHer è caratterizzata da procedure snelle ed intuitive, ed è stata sviluppata sia per dispositivi smartphone sia per tablet.

Quando il cittadino/utente riscontra una problematica su di un monumento può segnalarla utilizzando l’App. Una volta giunto sul luogo del danno, scattando da una a tre foto SaveHer acquisirà le coordinate e invierà la segnalazione ai server dedicati. Le segnalazioni, una volta validate dall’amministratore del sistema, saranno pubblicate sulla pagina web dedicata (www.appsaveheritage.com).

SaveHer comprende diverse funzionalità: collegamenti con i social network, creazione di report, condivisione di fotografie, impiego del segnale GPS per la geo-localizzazione, questionari per la segnalazione più completa dei danni riscontrati, mappe.

 

Fonte: IBAM-CNR, contatti: Dott. Fabrizio Gizzi (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

TFA 2019
TFA 2019
/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo