NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Mercoledì, 07 Febbraio 2018 10:27

Tecnologia LiDAR rivela "Megalopolis" Maya in Guatemala

La tecnologia LiDAR rivela una vasta rete interconnessa di antiche città che ospitava milioni di persone, molte di più rispetto a quanto si pensava potessero esserci.

In quello che è stato definito un "importante passo avanti" nell'archeologia Maya, i ricercatori hanno identificato le rovine di oltre 60.000 case, palazzi, autostrade sopraelevate e altre costruzioni realizzate dall'uomo che sono state nascoste per secoli sotto la giungla del Guatemala settentrionale. Ciò è stato possibile grazie all’utilizzo della LiDAR (abbreviazione di "Light Detection And Ranging"), ossia una tecnologia rivoluzionaria laser che rimuovendo digitalmente la volta della foresta ha rivelato le antiche rovine sottostanti, dimostrando che le città Maya come Tikal erano molto più grandi di quelle basate sul suolo.
Usando la LiDAR gli studiosi hanno rimosso digitalmente le fronde degli alberi dalle immagini aeree rivelando le rovine di una rete di civiltà precolombiane che era molto più complesse e interconnesse di quanto la maggior parte degli esperti sulle civiltà Maya aveva supposto. “Le immagini LiDAR chiariscono che questa intera regione era un sistema di insediamenti la cui scala e densità di popolazione era stata grossolanamente sottovalutata ", ha dichiarato Thomas Garrison, archeologo del Ithaca College e National Geographic Explorer specializzato nell'uso della tecnologia digitale per la ricerca archeologica.

Garrison fa parte di un consorzio di ricercatori che partecipano al progetto, che è stato guidato dalla PACUNAM Foundation: un'associazione non governativa guatemalteca che promuove la ricerca scientifica, lo sviluppo sostenibile e la conservazione del patrimonio culturale. Il progetto ha mappato più di 800 miglia quadrate (2.100 chilometri quadrati) della Riserva della biosfera Maya nella regione di Petén in Guatemala, producendo il più grande set di dati LiDAR mai ottenuto per la ricerca archeologica.
I risultati suggeriscono che l'America Centrale sostenne una civiltà avanzata che era al suo apice (circa 1.200 anni fa) maggiormente paragonabile a culture sofisticate come la Grecia antica o la Cina che agli stati urbani sparsi e scarsamente popolati che la ricerca a terra aveva suggerito a lungo.

Oltre a centinaia di strutture precedentemente sconosciute, le immagini LiDAR mostrano strade rialzate che collegano centri urbani e cave. I complessi sistemi di irrigazione e terrazzamento hanno sostenuto un'agricoltura intensiva in grado di alimentare masse di lavoratori che hanno radicalmente ridisegnato il paesaggio.

Gli antichi Maya non hanno mai usato la ruota o le bestie da soma, eppure "questa era una civiltà che stava letteralmente spostando le montagne", ha detto Marcello Canuto, archeologo della Tulane University e National Geographic Explorer che ha partecipato al progetto.

"Abbiamo avuto questa convinzione occidentale che le civiltà complesse non possano prosperare ai tropici; che i tropici sono le aree dove le civiltà vanno a morire", ha detto Canuto, che conduce ricerche archeologiche in un sito guatemalteco noto come La Corona. "Ma con le nuove prove basate sulla LiDAR dall'America centrale e Angkor Wat (della Cambogia), dobbiamo ora considerare che le società complesse si sono formate nei tropici e hanno fatto la loro strada verso l'esterno partendo da lì".

"LiDAR sta rivoluzionando l'archeologia nel modo in cui il Telescopio Spaziale Hubble ha rivoluzionato l'astronomia", ha dichiarato Francisco Estrada-Belli, archeologo della Tulane University e National Geographic Explorer. "Avremo bisogno di 100 anni per esaminare tutti i dati e capire davvero cosa stiamo vedendo." Tuttavia, il sondaggio ha prodotto sorprendenti intuizioni sui modelli di insediamento, sulla connettività interurbana e sulla militarizzazione nelle Maya Lowlands . All'apice del periodo classico maya (circa il 250-900 d.C.), la civiltà copriva un'area circa il doppio dell'Inghilterra medievale, ma era molto più densamente popolata.

"La maggior parte delle persone era a suo agio con stime di popolazione di circa 5 milioni", ha detto Estrada-Belli, che dirige un progetto archeologico multidisciplinare a Holmul, in Guatemala. "Con questi nuovi dati non è più irragionevole pensare che esistano da 10 a 15 milioni di persone - compresi molti che vivevano in aree basse e paludose che molti di noi hanno pensato inabitabili". Praticamente tutte le città Maya erano collegate da strade rialzate abbastanza ampie da suggerire che erano trafficate e utilizzate per il commercio e altre forme di interazione regionale. Queste strade venivano realizzate per consentire un passaggio facile anche durante le stagioni piovose. Considerando che si tratta di una parte del mondo dove le precipitazioni sono troppo forti o, al contrario, troppo scarse, il flusso d'acqua è stato meticolosamente pianificato e controllato attraverso canali, dighe e bacini idrici. Tra le scoperte più sorprendenti c'era l'ubiquità delle mura difensive, dei bastioni, delle terrazze, e fortezze. "La guerra non avvenne solo verso la fine della civiltà", ha detto Garrison. "Era su larga scala e sistematica, e durò per molti anni."

Il sondaggio ha anche rivelato migliaia di buche scavate dai moderni saccheggiatori. "Molti di questi siti sono nuovi solo per noi; non per i saccheggiatori ", ha detto Marianne Hernandez, presidente della Fondazione PACUNAM.

Il degrado ambientale è un'altra preoccupazione. Il Guatemala sta perdendo più del 10% delle sue foreste ogni anno, e la perdita di habitat è aumentato lungo il confine con il Messico, mentre i trasgressori continuano a bruciano la terra per renderla libera e favorevole all'agricoltura e al l'insediamento umano.

"Identificando questi siti e aiutando a capire chi erano queste civiltà antiche, speriamo di aumentare la consapevolezza del valore della protezione di questi luoghi", ha detto Hernandez. L'indagine è la prima fase dell'iniziativa PACDON LiDAR, un progetto triennale che finirà per mappare più di 5.000 miglia quadrate (14.000 chilometri quadrati) delle pianure del Guatemala che è parte di un sistema di insediamenti precolombiani che si estendeva verso nord fino al Golfo di Messico.

"L'ambizione e l'impatto di questo progetto è semplicemente incredibile", ha detto Kathryn Reese-Taylor, archeologa dell'Università di Calgary e specialista Maya che non è stata associata al sondaggio PACUNAM. "Dopo decenni di pettinatura attraverso le foreste, nessun archeologo si era imbattuto in questi siti. Ancora più importante, non abbiamo mai avuto il quadro generale che questo set di dati ci offre. Questo ci aiuta a vedere le civiltà come le hanno viste gli antichi Maya ".

Fonte: National Gepgraphic

Ultima modifica il Mercoledì, 07 Febbraio 2018 17:34

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo