NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Una sessione sulle geoscienze per i Beni Culturali al Congresso congiunto SIMP-AIV-SoGeI-SGI

La Società Italiana di Mineralogia e Petrologia, l’Associazione Italiana di Vulcanologia, la Società Italiana di Geochimica e la Società Geologica Italiana organizzano dal 2 al 4 Settembre 2015 il congresso dal titolo “Il Pianeta Dinamico: sviluppi e prospettive a 100 anni da Wegener”.
Il Congresso si terrà a Firenze e sarà ospitato dall’Università degli Studi negli spazi rinnovati in via Capponi e nell’adiacente Rettorato.

La deadline per la presentazione degli abstracts è il 31 Maggio.

All’interno del congresso è prevista una sessione dedicata ai Beni Culturali: P21 – The geosciences for Cultural Heritage and Archeometry: consolidated and innovative approaches. Negli ultimi anni i risultati raggiunti mediante le ricerche nel campo delle geoscienze hanno contribuito ad aumentare notevolmente le conoscenze dei diversi aspetti scientifici relativi ai Beni Culturali. La sessione sarà dedicata all’approfondimento delle varie problematiche correlate sia alla diagnostica e conservazione dei materiali lapidei naturali ed artificiali, che allo studio archeometrico di reperti antichi (ceramiche, malte, pigmenti, vetri e metalli) e oggetti d’arte. In particolare, la sessione sarà rivolta a contributi in cui si evidenziano nuove ricerche e approcci innovativi ed efficaci per la caratterizzazione, la conservazione e il restauro dei Beni Culturali.

Sito web: http://www.pianetadinamico.it/

Fonte: AiAr

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo