NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Lunedì, 11 Aprile 2016 09:53

RESTAURO-MUSEI: conclusa l'edizione 2016 del Salone di Ferrara

Si è concluso RESTAURO-MUSEI, il Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali, che quest'anno ha offerto gratuitamente e a un pubblico estremamente eterogeneo per età e composizione la possibilità di un’immersione a 360° nel mondo delle nuove tecnologie, dell’innovazione e del restauro in generale.

Nel 2016 la manifestazione ferrarese si posiziona come punto di riferimento per il settore dell’arte e della cultura, certificata dalle numerose presenze istituzionali e di prestigio che hanno portato la loro testimonianza durante le giornate del 6, 7 e 8 aprile, prime fra tutte il Ministro Dario Franceschini.

Proprio la varietà delle proposte e dei temi ha portato quest’anno la grande manifestazione ferrarese a battere il record di presenze, con un aumento di oltre il 20% di visitatori. Un pubblico che, oltre che numeroso, si è rivelato estremamente eterogeneo caratterizzato da una grande percentuale di visitatori qualificati. Non solo professionisti e amatori navigati erano presenti ma anche le future leve del restauro e del settore dei beni culturali e ambientali, che a Ferrara hanno cercato e trovato sia un’opportunità di orientamento, che la possibilità di partecipare a seminari e workshop i quali hanno rappresentato un’importante occasione formativa da aggiungere all’esperienza universitaria e in grado anche di dare crediti formativi spendibili in ambito accademico.
In questo modo il Salone si è riconfermato, dunque, punto di riferimento per tutti gli addetti del settore e gli ordini professionali che gravitano intorno al mondo della cultura.

Principale novità di quest’anno è stato il focus sui MUSEI, nuova veste indossata dal Salone che è stata cucita insieme al MiBACT - Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, partner storico della manifestazione, che ha individuato nella manifestazione la giusta cornice per rappresentare il Sistema Museale Italiano in tutta la sua interezza e complessità.
MUSEI ha offerto un’occasione per 5000 musei italiani, forti quest’anno di un aumento della media dei visitatori del 6%, di incontrare una platea di espositori, che rappresentano gli interlocutori di tutte le realtà museali, pubbliche e private, con cui intrecciare un dialogo che  consenta una riqualificazione generale del sistema: bookshop e merchandising, illuminotecnica, climatologia, software e altre tecnologie, accoglienza, guardiania, ristorazione, allestimenti, trasporto opere d’arte, archiviazione e catalogazione.
Per la sua XXIII edizione, il Salone, oltre al focus sul sistema museale italiano in piena sintonia con le riforme ministeriali, ha centrato la sua proposta soprattutto sulle nuove tecnologie e l’innovazione, dando importanti stimoli e input di business da coltivare, intessendo un nuovo dialogo tra le realtà presenti e offrendo ovviamente al Salone stesso nuove e più ampliate possibilità di economia raggiungendo un’utenza ancora più ampia e diversificata. La ricerca, l’innovazione e le nuove tecnologie che permettono di raggiungerle rappresentano, infatti, degli importanti punti di partenza per nuovi posti di lavoro che le istituzioni stanno costituendo con la costituzione di diverse start-up, spin-off e altre realtà di business.

Quest’anno la manifestazione è stata inoltre caratterizzata dalla variegata composizione degli espositori, in totale 280, tutti rappresentati da aziende e realtà che sono legate al mondo del sistema museale in molteplici e differenti modi e a quello del restauro.  Tra questi, ad esempio, anche dei grandi ritorni rappresentati da aziende come, Maggioli, Mapei e l’Opificio della Luce- Hikari che al Salone ha portato una replica della strumentazione all’avanguardia che costituisce l’apparato illuminatorio che l’azienda stessa ha utilizzato per illuminare la Gioconda di Leonardo da Vinci.

Sempre nell’ottica delle novità, che hanno reso unica questa edizione, va segnalata l’introduzione del design e del contemporaneo con la presenza della Fondazione Plart, la mostra “Modelli di stanze. Ricostruzioni di interni storici tratti da rappresentazioni pittoriche” portata dal Politecnico di Milano e quella dedicata al merchandising dal titolo “La Magnifica Forma by HOMI. Il Salone degli stili di vita”, curata dall’architetto Anna Del Gatto.  Quest’ultima va a completare il focus sui musei, proponendo un nuovo settore che manca in massima parte nel panorama museale italiano. Sono stati mostrati infatti prototipi realizzati dai più grandi designer e aziende del Made in Italy, chiamati a rappresentare i principali luoghi turistici italiani con gadget museali di qualità in grado di rispondere alle esigenze di un pubblico internazionale.

In tre giorni si sono potuti frequentare più di 130 convegni, dato che conferma il Salone come luogo di incontro, dibattito e riflessione, proponendo una vasta offerta di seminari e workshop, con ospiti di eccezione e altamente qualificati, che hanno permesso ai partecipanti di approfondire maggiormente alcune tematiche di particolare importanza e attualità nel mondo della conservazione dei beni culturali. Tra questi sono stati particolarmente degni di segnalazione La “rivoluzione del museo” tra eclissi e rinascita della cultura? convegno a cura di Letizia Caselli, responsabile scientifico del progetto “La città dei musei. Le città della ricerca”, promosso da ACROPOLI SRL in collaborazione con Bologna Fiere. Il convegno ha affrontato in modo costruttivo e propositivo l’argomento della ricerca nei musei con alcune puntuali riflessioni sul recente decreto dei musei che ha riorganizzato il sistema museale italiano dal punto di vista amministrativo e giuridico con la costituzione di venti musei autonomi e di una rete di diciassette Poli regionali. Un decreto che dovrà favorire il dialogo continuo fra le diverse realtà museali pubbliche e private del territorio, ma ha affondato le radici in problemi complessi e di lunga data.

E ancora il convegno organizzato da ICOM-International Council of Museums “l’Incontro pubblico sulla Raccomandazione UNESCO sulla protezione e promozione dei musei e delle collezioni”.

Significativa, inoltre, è stata la presenza al Salone di Assorestauro, con un’area espositiva collettiva con spazi di accoglienza per le delegazioni estere provenienti dal Nord America, USA e Canada, dal Sud America, Messico, Cile, Brasile, Argentina/Perù e dall’Est Europa e Medioriente, Russia, Armenia, Turchia, Libano, Iran, un’area aperta per incontri B2B con gli espositori, presentazioni tecniche e una mostra dei tre progetti internazionali più importanti seguiti tra il 2014 ed il 2016. Due i convegni promossi dall’associazione, che conferivano il riconoscimento di CFP per architetti e ingegneri: Progettare il restauro: politiche di internazionalizzazione per il settore restauro e il protocollo gbc historic building.

Insomma, quest’anno un’edizione che ha superato le aspettative ma soprattutto ha vinto una scommessa, ovvero che i beni culturali sono da considerare la più importante risorsa economica del paese.  

L'appuntamento è per la XXIV Edizione di RESTAURO-MUSEI nel 2017.

 

Fonte: Restauro Musei

Ultima modifica il Venerdì, 15 Aprile 2016 15:58

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo