NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Documentare l’Archeologia 4.0: strumenti e metodi per la costruzione di banche dati territoriali

documentare archeologia 2014Lunedì 5 maggio 2014 presso il Dipartimento di Storia Culture Civiltà (DiSCi)dell'Università di Bolognaa partire dalle ore 10.00 si terrà il Workshop "Documentare l’Archeologia 4.0: strumenti e metodi per la costruzione di banche dati territoriali". Nella precedente edizione è stato dato ampio spazio agli strumenti e ai metodi per la documentazione tridimensionale dei contesti archeologici (scanner laser e fotogrammetria).

In questa nuova edizione si propone di voltare pagina e affrontare altri importanti temi della ricerca archeologica, primo fra tutti, il contributo dei database e dei G.I.S. nella produzione di banche dati territoriali. Al centro del dibattito si colloca dunque lo studio degli insediamenti su scala territoriale finalizzato all'inquadramento e all'interpretazione dell’ambiente sociale e produttivo di un contesto geografico esteso.

Il Workshop è organizzato da Antonio Curci e Andrea Fiorini del Dipartimento DiSCi dell'Università di Bologna)


Programma

Saluti di benvenuto
Giuseppe Sassatelli (direttore del DiSCi, Università di Bologna)

Introduzione
Antonio Curci, Andrea Fiorini (Università di Bologna)

ASPETTI GENERALI

1. Introduzione all’archeologia dei paesaggi
Franco Cambi (Università di Siena)

2. Sistemi digitali di documentazione e analisi archeologica. Verso quale direzione?
Marco Valenti, Vittorio Fronza, Stefano Bertoldi (Università di Siena)

CASI STUDIO

3. Analisi di distribuzione delle ceramiche dell’età del Bronzo: il caso dell’Italia centro-settentrionale
Maurizio Cattani, Florencia Debandi (Università di Bologna)

4. Archeologia pre-dittiva vs archeologia post-dittiva: nuove linee di ricerca
Armando De Guio, Giovanni Leonardi, Anita Casarotto, Cristiano Putzolu (Università di Padova)

5. L’esperienza dell'ISCUM: come si è arrivati a creare banche dati a partire dallo studio del territorio
Danilo Cabona, Anna Decri, Isidoro Parodi, Stefano Roascio (Istituto di Storia della Cultura Materiale, Genova)

6. Dalle ricerche topografiche all’archeologia preventiva. Il GIS del “Progetto Ager Lucerinus”: modelli di indagine e strategie di intervento nei Monti dauni
Maria Luisa Marchi (Università di Foggia), Italo Maria Muntoni (Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia), Alessandro De Leo (Se. Arch. s.r.l.), Giovanni Forte (Università di Foggia)

7. Archeologia dell’architettura in Romagna: la banca dati territoriale
Andrea Fiorini (Università di Bologna)

8. Insediamenti e risorse, archivi reali e ricognizioni archeologiche in Siria. Il GIS per lo studio del territorio di Ebla-Tell Mardikh dall’età del Bronzo all’epoca romana
Simone Mantellini (Sapienza – Università di Roma)

9. Ricerche territoriali al tempo di Google Earth: l’esperienza AKAP (Egitto)
Antonio Curci (Università di Bologna), Maria Carmela Gatto, Alberto Urcia (Yale University)

 

Scarica il programma

 

Lunedì 5 maggio 2014 ore 10.00-18.00
Aula Prodi
Dipartimento di Storia Culture Civiltà (DiSCi)
Università di Bologna
Piazza S. Giovanni in Monte, 2
40124 Bologna

 

Fonte: Università di Bologna

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo