NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Design & Cultural Heritage, il patrimonio storico nell’era digitale

 

Design-Cultural-HeritageSabato 29 novembre 2014 nella sala Conferenze del Museo del Novecento di Milano si terrà il Convegno Design & Cultural Heritage dedicato alla conservazione e valorizzazione del patrimonio storico nell’era digitale.

L'evento è dedicato alle applicazionei delle nuove tecnologie digitali nell’ambito dei Beni Culturali e alle potenzialità d'interattività che queste possono dare agli archivi di architettura e di design, la creazione di un possibile Archivio Digitale degli Allestimenti Temporanei, il museo immateriale virtuale e interattivo (ipermuseo, cybermuseo).

"L’evento nasce dalla consapevolezza che il terzo millennio sta promuovendo l’impiego capillare delle tecnologie digitali. Archivi e collezioni online, visite guidate sullo smartphone, facilitate dall’utilizzo di una app, tecniche di restituzione virtuale dei grandi capolavori, sono solo alcuni esempi di questo fenomeno. Dietro agli aspetti più visibili – e commerciali – di queste infiltrazioni digitali risiedono però necessità e potenzialità che agiscono più a fondo, interessando alla radice la nozione stessa di Bene Culturale, tendente a sconfinare nei territori dell’intangibile (si pensi ad esempio all’Intangible Cultural Heritage, ICH, sostenuto dall’Unesco).

Al convegno interverranno studiosi italiani e stranieri, architetti, addetti ai lavori e i curatori dei tre volumi design&culturalheritage.

L'ingresso al Convegno è libero.

 

Fonte: Artemagazine

 

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo