NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

itzh-CNenfrdejaptrues
Arte ambientale: storia, documentazione, conservazione

Arte ambientale: storia, documentazione, conservazione

Lunedì 15 giugno presso l'Auditorium del Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci a Prato è in programma la Giornata di studi "Arte ambientale: storia, documentazione, conservazione".

La giornata è suddivisa in tre momenti: la mattina sarà dedicata al punto di vista di storici dell’arte, committenti e collezionisti; nel pomeriggio si affronteranno numerosi ed emblematici casi studio grazie al contributo, tra gli altri, di curatori, conservatori e restauratori; concluderà la giornata una tavola rotonda, dove alcuni artisti italiani che hanno creato opere d’arte ambientale dialogheranno e porteranno il loro punto di vista sui materiali, le tecniche e le pratiche di manutenzione e conservazione.

L’evento si configura come un momento importante di confronto tra gli esperti e di riflessione sulle linee guida da seguire per una corretta ed efficace documentazione, manutenzione e conservazione delle opere d’arte ambientale.

Nella giornata sono previsti, tra gli altri, interventi di

Letizia Montalbano, Opificio delle Pietre Dure
Mattia Patti, Università degli Studi di Pisa

La conservazione e documentazione delle opere d’arte ambientale attraverso le esperienze del Master in Conservazione e Restauro delle opere d’arte contemporanee dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze

Stefania Agnoletti, Maria Donata Mazzoni, Simone Porcinai, Andrea Cagnini, Monica Galeotti, Opificio delle Pietre Dure di Firenze e Filippo Tattini, Elena Della Schiava, restauratori

Quinto Martini: un percorso di ricerca e di restauro, dalla Casa-Studio al Parco-Museo

oltre alle conclusioni di Marco Ciatti, Soprintendente dell'OPD

 

Fonte: Opificio dell Pietre Dure

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.

Abbonatevi CLICCANDO QUI  


CHNT
CHNT
/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo