NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Mercoledì, 13 Novembre 2013 10:29

A Firenze una giornata sulle tecnologie per la documentazione 3D per i Beni Culturali

icvbc13dicembreL'Istituto per la Conservazione e la Valorizzazione dei Beni Culturali (ICVBC), con il supporto di POLIS (polo di Innovazione delle tecnologie della città Sostenibile), organizzano il prossimo 11 dicembre 2013, una giornata di studi sulle tecnologie per la documentazione 3D nei Beni Culturali e le loro applicazioni sul campo. 

In passato, le tecniche di misurazione 3D hanno avuto il loro maggiore sviluppo soprattutto in campo militare e nell'industria cinematografica.


I recenti progressi nel campo della micro-elettronica, dell'ottica, dell 'informatica e della computer grqfica, hanno contribuito all'abbattimento dei costi dei singoli componenti, favorendo l'applicazione di strumenti di misura 3D anche nel campo dei Beni Culturali, con non pochi benefici.
Oggi i sistemi di misura 3D, dotati di una elevata precisione metrica e proprietà fotorealistiche, e software di modellazione, ricoprono un ruolo importante per la conservazione, il restauro e la fruizione a distanza dei Beni Culturali.
La funzione dei modelli virtuali è quella di superare i limiti dei disegni e delle immagini bidimensionali, e trovano applicazione sia in ambito scientifico che divulgativo.
In letteratura è ben documentato, nei diversi periodo storici, l'uso di calchi e ricostruzioni fisiche di opere d'arte per la loro documentazione o per il loro trasferimento dal contesto originale in musei; allo stesso modo, la rappresentazione digitale in tre dimensioni, se ben eseguita, garantisce la corrispondenza con l'originale, la misurabilità delle sue parti offrendo inoltre uno vasta possibilità di interazione derivante dalla sua natura digitale.
Molte sono le motivazioni che negli ultimi anni hanno spinto all'utilizzo del modello 3D, sia a fini divulgativi che scientifici. Tra queste è possibile sottolineare: la possibilità di esaminare l'oggetto anche da punti di vista diversi da quelli possibili nel suo contesto originale, ricontestualizzare l'oggetto nel suo ambiente naturale o permetteme la fruizione al grande pubblico come, ad esempio, nel caso di oggetti appartenenti a collezioni private.
Il workshop si propone di mostrare diversi sistemi di misura 3D, basati su tecnologie laser-scanner e fotogrammetriche, rivolgendosi a tutti coloro che operano nel settore dei Beni Culturali, non privilegiando l'una o l'altra tecnica, avendo ben presente che spesso la complessità dell'oggetto di studio impone che le varie tecnologie siano utili insieme al fine di ottenere il risultato migliore.

La giornata si svolgerà nell'Aula Magna "Toroldo di Francia" presso l'Area di Ricerca di Firenze (Sesto Fiorentino, FI) a partire dalle ore 9.00.

 

La partecipazione è gratuita e prevede il rilascio di un attestato. E' necessaria la pre-iscrizione. Si prega di inviare la richiesta di partecipazione alla segreteria organizzativa entro il 2 dicembre all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. indicando, nome, cognome, ruolo ed indirizzo mail.

 

BROCHURE

 

Fonte: A.i.Ar.

 

 

Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:33

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo