NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

itzh-CNenfrdejaptrues
Fibre di lana tinte con porpora reale, datate al X secolo a.C. eritrovate nel sito archeologico di Timna

Trovata a Timna la mitica porpora del Re David

La speciale porpora descritta nella Bibbia e indossata dai re dell'Antico Testamento come David e Salomone è stata recentemente identificata su frammenti di lana di 3000 anni fa circa, rinvenuti nel sito di Timna, nel deserto del Negev. Lo studio è stato condotto e pubblicato sulla rivista PLOS ONE dalla dottoressa Naama Sukenik, dell'Israel Antiquities Authority, e dal professor Erez Ben-Yosef, del Dipartimento di Archeologia e Culture Antiche del Vicino Oriente "Jacob M. Alkow" dell'Università di Tel Aviv, in collaborazione con il professor Zohar Amar, il dottor David Iluz e il dottor Alexander Varvak, dell'Università Bar-Ilan, e il dottor Orit Shamir, sempre dell'Israel Antiquities Authority. 

 "Stiamo lavorando a questo progetto da diversi anni", ha spiegato Naama Sukenik, “Questo studio è molto importante per diversi motivi. Prima di tutto, i resti che portano questo colore, così spesso descritto nella Bibbia, sono rari, e questa è la prima volta che ne scopriamo alcuni risalenti all'Età del Ferro (1200-535 a.C.). Ha aggiunto "La scoperta ci dice anche di più sulle persone che vivevano a Timna, offrendoci la prova che persone appartenenti a ceti elevati risiedevano lì (...) Il viola era il colore indossato dalle élite. Anche se non possiamo dire a chi appartenessero i frammenti di tessuto che abbiamo trovato, una cosa è certa: se fossimo stati in grado di aprire gli armadi di re David o di re Salomone, avremmo trovato abiti tinti di questo colore ".

Grazie alla natura organica del manufatto, gli studiosi sono stati in grado di eseguire la datazione al radiocarbonio, la quale ha confermato che i manufatti risalgono al X secolo a.C. circa, il periodo in cui la maggior parte degli studiosi ritiene che siano vissuti il ​​re Davide e il re Salomone.

Il colore, una brillante tonalità di viola, veniva estratto, attraverso un processo molto costoso, dalle ghiandole coloranti dei molluschi di murex pescati nel Mar Mediterraneo. In passato, gli archeologi avevano scoperto tracce della produzione di questo tessuto, come conchiglie vuote frantumate e frammenti di vaso. Un processo simile veniva utilizzato anche per ottenere un altro colore, spesso menzionato nella Bibbia, l'azzurro ("tehelet"). Gli archeologi di questo studio si sono cimentati anche nel tentativo di riprodurre questa tecnica, eseguendo centinaia di tentativi: "Il lavoro pratico ci ha portato indietro di migliaia di anni e ci ha permesso di comprendere meglio oscure fonti storiche associate ai preziosi colori dell'azzurro e del viola", ha spiegato Zohar Amar, responsabile di questa parte specifica del progetto.

Il team del professor Ben-Yosef lavora a Timna dal 2013. "Negli ultimi anni, abbiamo scavato un nuovo sito, all'interno di Timna, noto come "Slaves Hill" (la collina degli schiavi)", ha detto l'archeologo. “Il nome può essere fuorviante poichè i lavoratori che vivevano qui erano operai altamente qualificati. Timna era un centro di produzione del rame, (...) "Slaves 'Hill è il più grande sito di fusione del rame della valle ed è pieno di scarti di produzione, come le scorie dai forni di fusione. Uno di questi cumuli ha restituito tre brandelli di lana colorata (...) Il colore ha immediatamente attirato la nostra attenzione, ma pensavamo fosse difficile poter trovare il porpora in un periodo così antico ", ha aggiunto. Il professor Ben-Yosef ritiene che Timna facesse parte del biblico Regno di Edom. "Il regno edomita era un regno di nomadi della prima Età del Ferro", ha sottolineato, aggiungendo che la scoperta delle prove che un regno nomade, al tempo del re David, potesse avere al suo interno una società stratificata e ricca può avere importanti ripercussioni anche per la comprensione della storia di questo periodo. “Sappiamo che le tribù d'Israele erano originariamente nomadi e che il processo di insediamento è stato graduale e prolungato. Gli archeologi stanno cercando ancora il palazzo di re David, tuttavia David potrebbe non aver espresso la sua ricchezza in splendidi edifici, ma con oggetti più adatti a una vita nomade, come tessuti e manufatti ", ha detto sempre il professor Ben-Yosef, "È sbagliato presumere che se non sono stati trovati grandi edifici e fortezze, le descrizioni bibliche della Monarchia Unita a Gerusalemme siano solo dei romanzi".

Fonte: Jerusalem Post 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.

Abbonatevi CLICCANDO QUI  


CHNT
CHNT
/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo