NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

itzh-CNenfrdejaptrues
Opportunità dalla Formazione TerreLogiche: pacchetto formativo "QGIS Base" + "Geodatabase (PostGIS)"

Opportunità dalla Formazione TerreLogiche: pacchetto formativo "QGIS Base" + "Geodatabase (PostGIS)"

I pacchetti formativi della Formazione TerreLogiche sono un'ottima opportunità per chi desidera seguire due o più sessioni formative, risparmiando sul costo ma non sulla qualità della propria formazione. Acquistare un pacchetto formativo personalizzato non soltanto permette di concentrarsi sullo sviluppo di competenze specifiche, adeguate al proprio ambito professionale, ma anche di avere una riduzione rispetto al prezzo di listino dei corsi scelti e di poter contare sul pagamento dilazionato della somma totale. Dal momento che le sessioni formative si ripetono ciclicamente, chi acquista un pacchetto ha la possibilità di scegliere a quale sessione prendere parte entro 12 mesi dall'acquisto.

Uno dei pacchetti formativi più acquistati è sicuramente quello composto dai corsi online (live streaming) "GIS Open Source Base (QGIS)" e "Geodatabase (PostGIS)", che da un lato permette di entrare nel mondo dei Sistemi Informativi Geografici e avere una visione d'insieme sulla gestione e l'analisi dei geodati attraverso il software Open Source QGIS, dall'altro introduce all’utilizzo di PostGIS per le attività di gestione e manipolazione di dati territoriali georiferiti.

A dicembre si terranno ben due sessioni del modulo base “GIS Open Source (QGIS)”, corso che fornisce tutte le conoscenze operative di base necessarie per un autonomo utilizzo del software QGIS. In particolare, verranno affrontati argomenti come la gestione dei layer vettoriali e raster, i sistemi di riferimento cartografici, la georeferenziazione, il disegno vettoriale, il database e la gestione tabellare, i layout di stampa. Ampio spazio verrà dedicato alla descrizione dei dati cartografici reperibili sul territorio nazionale, ai formati disponibili in ambiente GIS e allo scambio dei dati con altri software GIS e CAD.
I partecipanti potranno subito spendere le conoscenze acquisite, anche utilizzando altri applicativi (ad esempio ESRI ArcGIS, gvSIG, ecc.): l'obiettivo principale del modulo è infatti quello di apprendere la necessaria visione d’insieme nella gestione e nell’analisi dei geodati.

"Geodatabase (PostGIS)", in programma il prossimo 25, 26 e 27 gennaio 2023, si focalizza sulle competenze necessarie per gestire, interrogare ed elaborare dati geospaziali con PostGIS, uno strumento che offre numerosi vantaggi operativi e concettuali nel campo dell'archiviazione e dell'analisi dei dati geografici ed è per questo ampiamente utilizzato a livello mondiale. PostGIS è infatti un potente software di geodatabase che permette di estendere le funzionalità del database Open Source PostgreSQL. Fra i principali argomenti che verranno affrontati nelle tre giornate di lezione ci saranno: l'importazione ed esportazione di tabelle e layer GIS (es. CSV, ESRI Shapefile ed altri formati vettoriali, layer raster, ecc.); l'utilizzo di QGIS come interfaccia di visualizzazione di PostGIS; gli strumenti di interrogazione; le funzioni PostGIS di base (es. selezioni, filtri, viste, merge, clip, spatial join, analisi di prossimità). Non mancheranno anche cenni su funzionalità avanzate, quali Map algebra, Topologie, stored procedures e l’utilizzo di PostGIS in applicazioni Web.

Per conoscere il programma completo dei corsi, costi e agevolazioni previste:

"QGIS – modulo base": https://bit.ly/2RHEU8p

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.archeomatica.it/3fpd

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.

Abbonatevi CLICCANDO QUI  


NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo