NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

itzh-CNenfrdejaptrues

Nuove prospettive di valorizzazione e conservazione dei Beni Culturali e Archeologici con gli Scanner 3D

In questo particolare momento storico è sempre più difficile recarsi di persona nei musei e nei siti archeologici. Pertanto, diventa cruciale fornire gli strumenti e la possibilità a chiunque di poter ammirare anche solo virtualmente i reperti, quali sculture, monumenti e manufatti di pregevole fattura che ci hanno lasciato in eredità le civiltà del mondo antico. La scansione 3D è ad oggi la tecnologia più veloce per la ricostruzione tridimensionale ed è sempre più utilizzata per la protezione e il restauro dei reperti storici e archeologici.

Come il caso delle iscrizioni su pietra o sulle tavolette d’argilla, come era in uso nell’antica Mesopotamia, che contengono centinaia di segni di dimensioni di pochi centimetri quasi del tutto illeggibili a causa delle intemperie e della corrosione del tempo.

Senza l’ausilio di questi strumenti, infatti, molti dettagli di vitale importanza per la conoscenza del reperto potrebbero sfuggire anche all’occhio più attento ed esperto.

I vantaggi che forniscono gli strumenti di scansione 3D nell’ambito culturale sono molteplici:

  • Protezione e restauro manufatti;
  • Archivi di dati 3D dei reperti;
  • Costruzione di un museo virtuale sempre accessibile;
  • Navigazione e visualizzazione 3D dei manufatti in altissima definizione sia per lo studio destinato agli addetti ai lavori sia per l’intrattenimento del grande pubblico.

Quale scanner 3D, quindi, è il più idoneo nell’ambito dei Beni Culturali e Archeologici?

Non esiste una risposta univoca a questa domanda. Come si può immagine dipende dal contesto in cui ci troviamo, dalla grandezza dell’oggetto da scansionare, dall’accuratezza del dato che vogliamo ottenere, se possiamo inserire dei marker adesivi sui manufatti, se l’oggetto di scansione può essere spostato e così via.

Gli Scanner 3D si differenziano a seconda della tecnologia che li caratterizza, dell’accuratezza, dell’accoppiamento al laser di camere a colori e della modalità di scansione (statici e portatili).

Qui si parlerà degli Scanner 3D a luce strutturata statici e portatili che meglio si adattano al mondo dei Beni Culturali e Archeologici.

Gli scanner a luce strutturata proiettano un pattern noto (schema grafico) sull’oggetto di interesse e ne determinano la profondità in base alla deformazione della griglia proiettata. Questi schemi consistono di solito in linee parallele che vengono emessi da un proiettore installato sulla macchina. Una o più fotocamere viene utilizzata per catturare l’immagine della deformazione del pattern.

Il vantaggio rispetto agli Scanner 3D di diversa tecnologia, come quella a lama laser, è la maggior precisione e la maggiore porzione di superficie acquisita in una singola acquisizione grazie al maggior campo di vista, riducendo i tempi di scansione di oggetti di grosse dimensioni.


Scanner 3D statici: maggiore accuratezza per rilevare i più piccoli dettagli

Un esempio di Scanner 3D a luce strutturata che meglio si presta nell’ambito dei Beni Culturali è lo Spectrum dell’azienda RangeVision. 

Si tratta di uno Scanner 3D statico installato su un treppiede che presenta un proiettore e due camere movibili, consentendo agli operatori una maggiore flessibilità durante le fasi di scansione. Inoltre, è dotato anche di camere industriali a colori, fornendo quindi nella ricostruzione digitale 3D la restituzione RGB.

In aggiunta, lo Spectrum esegue scansioni anche senza l’utilizzo di marker adesivi. Cruciale questo aspetto in quanto non sempre è possibile inserire dei marker su oggetti di rilevanza storica-archeologica.

 

 microgeo_1.png

Scanner 3D portatili: maggiore flessibilità nell’ambiente di lavoro 

Un altro Scanner 3D che sfrutta questa tecnologia è l’iReal 2S della società ScanTech. A differenza dello Spectrum, l’iReal 2S è uno scanner portatile, e consente agli operatori di acquisire l’oggetto di interesse muovendosi liberamente per l’ambiente. Molto comodi se bisogna scansionare sculture a tutto tondo e/o vasi.

iReal 2S esegue scansioni 3D molto veloci senza l’inserimento di marker ed è in grado di generare modelli a colori 3D estremamente realistici con dettagli abbondanti e di alta precisione.

microgeo2.png

Vuoi provare dal vivo le potenzialità degli Scanner 3D descritti nell’articolo?

Invia una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o chiama allo 055 89 54 766: i nostri tecnici sono sempre disponibili per organizzare una dimostrazione di persona o online.

Per maggiori informazioni:

Leggi l'articolo completo su Microgeo.it 

Laser scanner iReal2S

Laser scanner Spectrum 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.archeomatica.it/3dyq

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.

Abbonatevi CLICCANDO QUI  


CHNT
CHNT
/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo