NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Monna Lisa cercasi

 

Dai Laboratori di Antropologia del Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Bologna, sono emersi i primi interessanti risultati delle indagini osteologiche condotte su alcuni reperti ossei rinvenuti al Convento di Sant'Orsola di Firenze. Il motivo di tanto interesse è dovuto alla possibilità di rinvenire, tra i resti, le spoglie della celebre "modella" di Leonardo Da Vinci: Lisa Gherardini, meglio conosciuta come Monna Lisa. Secondo alcuni dati storici, la nobile fiorentina fu tumulata proprio al Sant'Orsola, il convento in cui si trovava la figlia Ludovica e dove la Gherardini morì il 15 luglio 1542, all'età di 63 anni.

La prima fase delle analisi eseguite sui resti ossei, si è conclusa fornendo alcune indicazioni: sono stati indagati otto reperti, sette dei quali rivelano caratteri diagnostici tipici del sesso femminile. Tutti i resti umani appartengono ad adulti di almeno 30 anni e tra questi tre individui mostrano un'età di morte più avanzata, maggiore di 40-50 anni, compatibile con l'età di morte di Lisa Gherardini.

Il team scientifico è stato condotto dal prof. Giorgio Gruppione che si ritiene soddisfatto ma deciso nel proseguire la ricerca che ora sarà affidata al CEDAD dell’Università del Salento, dove le ossa saranno sottoposte a datazione mediante l’esame del radiocarbonio per stabilire con maggiore esattezza l’epoca del decesso.

Se l’esito della datazione rivelasse un periodo di morte compatibile a quello di Lisa Gherardini, si procederà all’estrazione del DNA, confrontabile con quello dei figli di Lisa, sepolti presso la chiesa SS Annunziata di Firenze.

Tutti i risultati della ricerca saranno raccolti e condivisi sul web grazie alla piattaforma “Looking for Monalisa” progettata da Capitale Creativo, società di pr e comunicazione. 

Segui la ricerca: http://lookingformonnalisa.wordpress.com/

 

Fonte: Università degli Studi di Bologna

 

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo