NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Giovedì, 19 Febbraio 2015 18:24

Anche Artec Group sostiene il progetto CyArk per il Digital Cultural Heritage

collezione assira 3dIl Progetto Internazionale CyArk per la conservazione digitale del patrimonio culturale ha annunciato che anche la società Artec Group ha iniziato a sostenere quest'iniziativa per il rilievo digitale e la conservazione dei maggiori siti culturali, monumenti e manufatti del mondo.

Grazie alla nuova collaborazione verranno impiegati gli scanner Artec 3D per la conservazione digitale dei più significati siti culturali del mondo. In questo modo si uniranno le forze per portare avanti il progetto CyArk 500, progetto mondiale per digitalizzare ed archiviare il patrimonio culturale attraverso la scansione laser, la modellazione digitale e altre tecnologie allo stato dell'arte. Il processo, conosciuto come preservazione digitale, è utilizzato per la gestione delle risorse culturali, preservazione delle condizioni, conservazione, restauro, ricostruzione, analisi strutturale, interpretazione, didattica e turismo culturale.

La missione CyArk 500, lanciata ad Ottobre 2013, ha lo scopo di conservare digitalmente ben 500 siti culturali nei prossimi 5 anni, prima che questi possano essere distrutti da guerre, attacchi terroristici, incedi, guerre civili, cambiamenti climatici, terremoti e altri eventi naturali o antropici. La tecnologia di scansione laser 3D di Artec aiuterà a raggiungere questo obiettivo provvedendo a CyArk un indispensabile strumento negli sforzi di documentazione.

“Siamo contenti che Artec si sia unita alla mission CyArk500. La tecnologia Artec ci permette di catturare rapidamente manufatti ed elementi importanti ad un grande livello di dettaglio che la scansione tradizionale, e siamo contenti per future applicazioni. Siamo orgogliosi che Artec raggiunga i ranghi dei nostri stimati partner da tutto il mondo" ha dichiarato Elizabeth Lee, Vice President of CyArk. L'acquisizione dei dati di questi siti saranno utilizzati da CyArk per sviluppare una libreria online 3D, in modo tale da realizzare lezioni didattiche ed attività libere. I dati 3D contribuiscono inoltre alla conservazione e tutela di questi siti.

“Artec è onorata di facililitare la missione di CyArk con la tecnologia di scansione 3D a breve distanza, e di lavorare con un team di ottimi professionisti attraverso l'iniziativa 500. Spesso, i grandi siti architettonici contengono oggetti, statue, bassorilievi, con geometrie complesse. La tecnologia Artec permetterà la digitalizzazione e di acquisire ulteriori dati della scansione terrestre”, ha aggiunto Artyom Yukhin, presidente e CEO di Artec Group.

Più che 150 siti sono stati nominati per il 500 Challenge, con 80 approvati e più di 60 ora conservati. Questi includono Pompei, l'Opera House di Sydney la Torre pendente di Pisa e altri. Gli scanner 3d di Artec sono già stati impiegati per la digitalizzazione di oggetti più piccoli e superfici con complesse geometrie incluse il Rani ki Vav stepwell in India e il Washington Monument nella capitale americana. Ad agosto 2014, il team di CyArk ha utilizzato la tecnologia Artec per la scansione della Collezione Assira del British Museum. I modelli 3D realizzati mediante queste scansioni serviranno come risorsa per aiutare le persone ad interagire con questi oggetti.

 

Fonte: CyArk

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo