NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Ultime da Turistarth

L'iniziativa, giunta alla sua III edizione, vuole creare un momento di incontro e di riflessione in cui le istituzioni e gli esperti del settore si confrontano sulle concrete potenzialità economiche legate all’uso delle nuove tecnologie applicate al turismo culturale. Un modo per sensibilizzare l’opinione pubblica perché richieda servizi turistici sempre più innovativi e qualificati.

Turistarth nasce dalla consapevolezza che le innovazioni tecnologiche, applicate alla valorizzazione dei beni culturali dell’Italia, non sono ancora adeguatamente utilizzate per attirare turisti e visitatori nazionali e internazionali verso città d’arte, siti di interesse archeologico o naturalistico, musei e grandi mostre. Il patrimonio culturale italiano, infatti, pur essendo ricchissimo, attrae solo una parte dei suoi potenziali flussi turistici. L’edizione 2011 ha avuto come cornice le splendide terre del Montefeltro, ha arricchito di novità il prestigioso “Premio Rotondi ai salvatori dell’arte” e ha visto tanti protagonisti confrontarsi durante il convegno nell’aula magna della Facoltà di Economia dell’Università di Urbino.
In questi “Quaderni” vogliamo raccogliere le riflessioni e i casi di successo nazionali, da Nord a Sud, e rendere così omaggio alle celebrazioni per l’Unità d’Italia.
Si possono scaricare dal sito:
http://www.turistarth.com/upload/docs/quaderno_turistarth2011_extended_web.pdf

ARCHEOMATICA è MEDIA PARTNER DI TURISTARTH

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo