NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Scoprire siti archeologici tramite Google

Al giorno d’oggi per portare avanti ricognizioni archeologiche in paesi lontani migliaia di chilometri da dove ci troviamo, sembra non esserci più bisogno di voli aerei e costose attrezzature. David Kennedy, archeologo della University of Western Australia, è stato in grado di individuare, rimanendo seduto nel suo ufficio, qualcosa come 1977 potenziali siti archeologici in Arabia Saudita utilizzando le immagini satellitari ad alta risoluzione di Google Earth (oggi arrivate per alcune aree ad una risoluzione a 2,5 metri), investigando dal cielo una superficie di oltre 1240 km quadrati.

A causa delle difficoltà pratiche nell’effettuare ricognizioni del paese arabo in questione e nel reperire foto aeree delle diverse aree, la tecnologia di Google ha aiutato il ricercatore australiano a compilare un database di fondamentale importanza nella pianificazione di future ricerche sul campo. A conferma che si tratti di siti reali, e non di macchie sulle mappe
legate a vegetazione od ombre, Kennedy ha incaricato un suo amico residente in Arabia Saudita di recarsi in due dei siti evidenziati e di inviare in Australia fotografie del luogo.

Le foto hanno confermato la presenza di siti archeologici, anche se ovviamente queste ipotesi andranno confermate da ricerche sul campo. Dice lo stesso archeologo: “è impossibile sapere, utilizzando il solo Google Earth, se abbiamo individuato una struttura costruita dai beduini 150 oppure 10.000 anni fa”.
Nel frattempo questi nuovi dati si vanno ad aggiungere ai 463 potenziali siti individuati nel deserto del Registan in Aghanistan da alcuni ricercatori di Melbourne sempre utilizzando il software sviluppato da Google.

(Fonte: redazionale)

{linkr:bookmarks;size:small;text:nn;separator:+;badges:19,20,22,23,24,28}

{linkr:related;keywords:scavi+archeologici;limit:5;title:Related+Articles}

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo