NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Ritratto di Don Ramòn Satué di Francisco Goya

Le tecniche di indagine non invasive sui dipinti come la radiografia a raggi x, la riflettografia a infrarossi e la fluorescenza ultravioletta permettono, a chi ha la possibilità di averci a che fare, di ottenere delle belle soddisfazioni. Le diverse tecniche di imaging, infatti, permettono di conoscere in profondità un'opera d'arte, ottenendo informazioni non deducibili ad occhio nudo.



I risultati più interessanti si hanno quando si riesce ad individuare dettagli sconosciuti come ripensamenti dell'artista riguardo la raffigurazione di un soggetto o meglio ancora quando si riesce a ritrovare "sotto" l'opera d'arte un'altra opera, spesso un'altro dipinto scartato dallo stesso artista, che per esigenze di risparmio ha deciso di riutilizzare lo stesso supporto.
E' questo il caso della recente scoperta effettuata presso il Museo Rijksmuseum di Amsterdam sul Ritratto di Don Ramòn Satué di Francisco Goya. dove è stato ritrovato un ritratto sottostante.
Secondo gli studiosi si tratta di un generale francese, probabilmente Giuseppe Bonaparte fratello di Napoleone. Gli stessi studiosi non nascondono che il ritratto possa essere stato coperto per motivi politici in quanto Giuseppe Bonaparte fu re di Spagna dal 1808 al 1813. Goya che aveva lavorato per il governo francese potrebbe quindi aver agito in tal senso.
La tecnologia impiegata é una nuova radiografia a scansione a raggi x di alta densità, sviluppata dall'Università di Anversa e la Delf University of Technology, già sperimentata su un quadro di Van Gogh due anni fa. I raggi x causano un'emissione di fluorescenza di raggi x permettendo di differenziare i diversi materiali presenti.
E' questo un altro caso in cui la storia dell'arte mostra ancora delle pagine da scrivere grazie all'aiuto offerto dalle nuove tecnologie.

(Fonte: Redazionale)

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo