NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Nasce in Sardegna un centro di ricerca per le nuove tecnologie applicate ai beni culturali

La Sardegna si impegna a sviluppare nuove tecnologie nel campo dei beni culturali.
I rettori dell'Università di Sassari, Attilio Mastino, e dell'Università di Cagliari, Giovanni Melis, hanno recentemente firmato la convenzione per l'istituzione e funzionamento del "Cirtebec", il Centro Interuniversitario di Ricerca sulle Tecnologie per i Beni Culturali.
La nascita del centro permetterà di valorizzare la ricchezza culturale della Sardegna e di sviluppare la ricerca avanzata sulle nuove tecnologie nel settore dei beni culturali in modo sviluppare specifiche competenze in tale ambito.
Per questo motivo la collaborazione tra le due università sarde è indispensabile e assume un valore sempre più strategico. I due Atenei s'impegnano a valorizzare l'innovazione scientifica applicata allo studio in situ e alla diagnostica in laboratorio, al restauro, alla conservazione.
Il centro vuole quindi essere un ambiente di ricerca interdisciplinare, in cui lavoreranno i ricercatori dei laboratori dei due atenei che operano in tale ambito.
La sede del Cirtebec sarà a Sassari. Vi faranno parte il Dipartimento di Scienze dell'Uomo e della Formazione dell'Università di Sassari e il Dipartimento di Storia, Beni Culturali e Territorio dell'Università di Cagliari.

Il Centro comincerà le sue attività partendo da una valutazione delle strumentazioni e delle competenze scientifiche presenti nei due Atenei. Si procederà alla costituzione di laboratori dotati di una strumentazione tecnologica all'avanguardia per la conoscenze e valorizzazione dei beni culturali, oltre che all'acquisizione di strumenti per il monitoraggio di siti e reperti archeologici.
Dal Cirtebec potrebbe avviarsi un Centro servizi internazionale finalizzato alla fornitura o vendita di progetti di ricerca nell'ambito dei beni archeologici, storici e culturali.

Fonte: Redazionale
Immagine: Un "Gigante" di Monte Prama, particolare

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo