NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Conservare il patrimonio sonoro

Il Museo Nazionale del Cinema di Torino ha dato il via al progetto Di.Do.S (Digitalizzazione Documenti Sonori) nato in collaborazione con Punto Rec Studios dedicato alla digitalizzazione del suo patrimonio sonoro. Il Museo possiede, infatti, una collezione di oltre 2.200 dischi, dai 78 giri in ceralacca degli anni '20 e '30 ai piu' recenti 33 giri. Si tratta di un patrimonio unico, costituito da importanti colonne sonore cinematografiche e da dischi contenenti registrazioni di testi recitati o cantati da attori famosi e finora era difficilmente fruibile.

Grazie al progetto Di.Do.S è stato possibile realizzare un'importante intervento di recupero: tutti i dischi sono stati catalogati e 300 preziosi esemplari sono stati restaurati e digitalizzati. Oltre 3.000 brani digitalizzati sono ora disponibili all'ascolto sul sito del Museo. I brani potranno essere ascoltati integralmente presso la Bibliomediateca del Museo. 

Il progetto è stato possibile grazie alla collaborazione con due aziende partner, HUB e Zero DB, e con la partecipazione dell'Universita' degli Studi di Torino (DAMS). Il progetto è finanziato dalla Regione Piemonte grazie al Polo della Creatività Digitale e Multimedialità.

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo