NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Venerdì, 22 Settembre 2017 16:47

Il MIBACT si dota del più nuovo georadar per lo studio e la conservazione dei Beni Culturali.

Redazione Archeomatica

Il Ministero per i Beni Culturali ha acquistato il più preciso georadar in commercio per il rilievo dentro strutture in cemento e calcestruzzo.

E’ prodotto da GSSI, si chiama StructureScan Mini XT. Ha l’antenna da 2.7 GHz, la frequenza più alta, quindi quella che permette il miglior dettaglio fino a 50 cm di profondità. È un sistema compatto, pronto per essere messo nello zaino e portato sul posto di lavoro.

L’antenna - sollevata di 8 mm - rileva anche su superfici ruvide.La sua posizione – avanzata – permette di arrivare fino a 19 mm dalla parete.La funzione 3D è già inclusa, ed elabora la vista tridimensionale già in campo.

Mauro Torre – funzionario MIBACT e Fisico Direttore presso l’Istituto Superiore per la Conservazione e per il Restauro di Roma – e il suo team utilizzeranno il sistema per verificare, ispezionare e monitorare strutture ed eventuali distacchi, monumenti ed eventuali ammaloramenti, murature ed eventuali cavità.

Per informazioni tecniche:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.codevintec.it

Fonte: Codevintec

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo