NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Diya One il robot per monitorare l'aria negli ambienti interni

DiyaOneIdeata dalla start-up francese Partnering Robotic il robot Diya One è stato acquistato dalla società Cofely Services, filiale della Gdf Suez, per la fornitura in ambito pubblico e privato.

I robot alti un metro e 20 centimetri sono dotati di sensori per la misura di temperatura, rumori, luce e rivelare la presenza unamane. Dopo un periodo di rodaggio presso la Cofely i robot entreranno nel mercato a partire dal prossimo autunno.

Dotato di un intelligenza artificiale è capace di adattarsi all'ambiente, d'interagire con gli oggetti circostanti e di apprendere compiti semplici. Concepito comme una piattaforma multiservizi può muoversi negli edifici in tutta autonomia allo scopo di raccogliere una moltitudine di dati.
Dopo dieci ore di lavoro è capace di muoversi da solo e ricaricasi.

Al momento Diya One può essere dedicato al controllo di un particolare inquinamento dell'aria. Alcuni test hanno permesso di garantire l'efficacia e l'innocuità del sistema che pulisce l'aria intera creando una bolla d'aria igienizzata. Per Laurent Fleury, responsabile per lo sviluppo di nuovi servizi all'interno della società controllata GDF Suez, specializzata nella gestione degli edifici, il robot deve essere uno strumento complementare al sistema globale di trattamento dell'aria.

Jean-Pierre Monéger, direttore generale di Cofely Service ha dichiarato che i robot diverranno sempre di più diffusi negli spazi pubblici e provati. Per questo la Cofely vuole seguire lo sviluppo di questa tecnologia.

 

Fonte: Libreriamo.it, LeMomniteur.fr

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo