NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Venerdì, 27 Ottobre 2017 11:18

Tecnologie laser-scanner ENEA individuano le misteriose “tracce” lasciate dai soldati pontifici all'interno di Porta S. Sebastiano

Redazione Archeomatica

Le tecnologie laser-scanner ENEA hanno permesso di “leggere” a distanza e di riprodurre in 3D le misteriose “tracce” lasciate dai soldati pontifici all'interno di Porta S. Sebastiano, il più grande e tra i meglio conservati ingressi a Roma lungo la cinta difensiva delle Mura Aureliane. 

Sono così emersi disegni e scritte a carboncino che raccontano la vita privata di chi difendeva l’accesso alla Capitale dalla via Appia. L’indagine scientifica ha visto coinvolti i ricercatori ENEA e il Museo nelle Mura della Sovrintendenza capitolina, nell’ambito del progetto COBRA nato per utilizzare tecnologie hi-tech nella salvaguardia e valorizzazione dei beni culturali.

La video notizia in calce alla pagina.

 

Fonte: ENEA

Ultima modifica il Venerdì, 27 Ottobre 2017 11:21

Video

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo