NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Giovedì, 27 Marzo 2014 14:46

Tecnologie 3D innovative rivelano antichi tesori egizi nascosti

mummia inside_explorer_medelhavsmuseetAll'interno di un progetto di digitalizzazione 3D innovativo, l'Istituto Svedese Interactive Institute ICT, Autodesk e CMIV hanno creato una copia digitale della mummia Neswaiu appartenente al Museo Medelhavsmuseet a Stoccolma. Il risultato viene ora presentato in una mostra dove i visitatori potranno esplorare la mummia mediante un tavolo touch interattivo. Per la prima volta i visitatori saranno in grado di avere in mano una copia stampata in 3D di un amuleto d'oro che gli imbalsamatori posero sotto gli strati di avvolgimento più di 2300 anni fa per proteggere Neswaiu e il suo viaggio attraverso l'aldilà.

"Con questo progetto speriamo di ispirare i musei a lavorare con la digitalizzazione 3D, la visualizzazione interattiva e la stampa 3D per rendere le loro collezioni accessibili in un modo nuovo. In questo progetto abbiamo lavorato con delle mummie, ma le stesse metodologie potranno essere utilizzate su un'ampia varietà di oggetti, come ad esempio i manufatti di storia naturale e di altri manufatti storici", così ha dichiarato Thomas Rydell, dell'Interactive Istitute Swedish ICT al Visualization Centro C in Norrköping.
Oggi, la digitalizzazione 3D, la modellazione e la visualizzazione interattiva creano infinite possibilità per i musei dove la tecnologia può essere utilizzata per la ricerca e l'istruzione, la conservazione delle collezioni e per creare nuove esperienze per i visitatori. Il 22 febbraio 2014, la nuova mostra permanente egiziana ha aperto al pubblico al Medelhavsmuseet a Stoccolma. I visitatori saranno in grado di esplorare una riproduzione digitale della mummia Neswaiu e avere una copia 3D stampata dell'amuleto d'oro nelle proprie mani.

"La mostra si concentra sull'aspetto umano, offrendo inoltre nuove prospettive sull'Egitto", spiega Sofia Häggman, Direttore del Medelhavsmuseet. "La tecnologia di digitalizzazione 3D ci permette di descrivere la salute e il destino degli individui, così come le antiche credenze egiziani a riguardo dell'aldilà".
Gli amuleti giocato un ruolo importante nella antica religione egizia. Credevano di trasferire le proprietà magiche a chi lo indossava, e sono stati generalmente collocati su aree specifiche del corpo per proteggere il defunto. Nel caso di Neswaiu, uno degli amuleti ha la forma di un falcone. Il falco è stato associato con il dio Horus venerato all'epoca in cui è vissuto Neswaiu. Utilizzando una combinazione di tecnologia di scansione e stampa 3D con la fusione di metalli tradizionali, è stato possibile ricreare l'amuleto senza disturbare la mummia, e acquisire la forma dell'amuleto .

La mummia è stata catturata digitalmente in 3D utilizzando una combinazione di tomografia computerizzata a doppia energia e fotogrammetria 3D, utilizzando la soluzione Autodesk ReCap, ottenendo un modello 3D completo della mummia, non solo per l'esterno, ma anche all'interno.

mummie-tti

"E' davvero stimolante vedere come la tecnologia, ora non solo molto più potente ma anche così accessibile, è in grado di offrire nuovi modi senza precedenti per sperimentare, esplorare e conoscere il nostro passato. Dovremmo essere sinceramente preoccupati per il fatto che, a causa di disastri naturali e guerre, perdiamo ogni giorno il nostro patrimonio culturale e la "Reality Capture" offre un set di strumenti per salvare oggi e conservarlo, in forma digitale, per i posteri. ", ha detto Tatjana Dzambazova, Senior Product Manager, Reality Capture, Autodesk.
I dati della scansione TC e la scansione in superficie 3D sono stati combinati in Inside Explorer, una tavolo di visualizzazione touch interattiva sviluppato dal'' Interactive Institute svedese ICT. Inside Explorer crea una rappresentazione digitale fotorealistica della mummia che permette ai visitatori di esplorare tutti gli strati della mummia dentro e fuori dalle piccole incisioni sul sarcofago all'anatomia, così come i manufatti avvolti insieme con il corpo.

Questo progetto di digitalizzazione 3D è stata condotto dall'Interactive Institute svedese ICT, Visualization Center C a Norrköping, in collaborazione con il Medelhavsmuseet a Stoccolma (Museo del Mediterraneo e del Vicino Oriente Antico), Autodesk, il Centro per l'Imaging Medico e la visualizzazione (CMIV) presso l'Università di Linköping, FARO e molti altri esperti. Il progetto è stato una parte del progetto "Projektarena IVM" ed è cofinanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale.


Leggi anche: Mummie in 3D per una mostra interattiva in Svezia

 

Fonte: Interactive Institute swedish

 

Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:34

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo