L'Università di Tor Vergata avvia ricerca internazionale su metodi e tecnologie per l'accessibilità di aree archeologiche e musei. Tra i partecipanti Grecia, Slovenia, e Repubblica della Macedonia del Nord

L'Università di Tor Vergata avvia ricerca internazionale su metodi e tecnologie per l'accessibilità di aree archeologiche e musei. Tra i partecipanti Grecia, Slovenia, e Repubblica della Macedonia del Nord

L'Università di Roma Tor Vergata ha avviato Nell'ambito del progetto europeo ERASMUS+ ADHOC un’attività di ricerca internazionale con consorzio di paesi tra cui Grecia, Slovenia e Repubblica della Macedonia del Nord.   L’attività è dedicata allo studio delle metodologie e delle tecnologie da applicarsi per l'analisi di accessibilità fisica e cognitiva nei siti archeologici e museali complessi di cui il Lazio è ricco.

In particolare la ricerca verrà condotta nel Laboratorio di Smartourism presso il Dipartimento di Ingegneria dell'Informazione coordinato dal prof. Michele Angelaccio. Il Prof. Angelaccio da diversi anni in collaborazione con enti di ricerca. enti locali, aziende e realtà della società civile del territorio svolge sia attività didattica di turismo digitale che di ricerca per nuove forme di valorizzazione turistica in ambito culturale ed eco sostenibile.

Tra i siti selezionati per progetti di turismo sostenibile vi sono l'Appia Antica, Villa Mondragone e il l'Area del Tempio della Fortuna Primigenia a Palestrina insieme al parco naturalistico adiacente. L'obiettivo è quello di portare all'attenzione anche a livello europeo le tematiche di accessibilità e le tecnologie più idonee a supporto.(Nella foto Prof Michele Angelaccio,Università Tor Vergata, con il Prof. Viktor Lilcik e la Prof.ssa Aleksandra Karovska Ristovska.Ss Cyril and Methodius University  di Skopje) 

Pin It

Related Articles