NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Wikimuseums, a proposito di musei e open data

Al Museo Pignatelli di Napoli il 5 e 6 Maggio 2016 si terrà l'evento "Wikimuseums, a propisito di musei e open data" organizzato da BAM! Strategie Culturali in collaborazione con il Polo museale della Campania e grazie al supporto del bando “Le Sfide delle Città” promosso dall’Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi a Roma. Due giorni di confronto, approfondimento e formazione sulle interazioni tra musei e patrimonio culturale, sfera digitale e cittadinanza attiva. Per stimolare musei, professionisti e cittadini a riscoprire la funzione pubblica del nostro patrimonio e il ruolo attivo di una comunità nel definirne il valore.

La mattina di venerdì 6 maggio, una conferenza aperta al pubblico, ricca di casi di studio e testimonianze da Italia e Olanda aiuterà musei e professionisti a conoscere e usare gli stumenti più utili e innovativi per avvicinare i cittadini ai beni culturali delle nostre città: la digitalizzazione delle collezioni, l'approccio wiki e crowd verso il patrimonio culturale, il ruolo degli open data nei progetti di divulgazione.

Nel pomeriggio dello stesso giorno, un workshop pratico inviterà un gruppo di operatori museali a mettersi in gioco in prima persona come contributors di Wikipedia, sperimentando a partire dal patrimonio del Polo Museale della Campania.

Nel frattempo, da giovedì 5 maggio, un gruppo di studenti napoletani sarà coinvolto in una vera e propria “maratona digitale” di due giorni, per valorizzare luoghi e monumenti meno conosciuti di Napoli e lasciare un nuovo patrimonio digitale in dote alla città.

Prossimamente verranno forniti ulteriori dettagli sulle due giornate.

 

 

Evento su Facebook

 

Fonte: BAM! Strategie Culturali

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo