NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Venerdì, 19 Giugno 2015 09:29

Le tecnologie digitali al servizio della conservazione: dall'integrazione scultorea al restauro virtuale

Fondazione Villa Fabris in collaborazione con Confartigianato Vicenza e Camera di Commercio di Vicenza, organizza un evento dedicato a conoscere le tecnologie digitali per la conservazione dei beni culturali per confrontare l'integrazione scultorea e il restauro virtuale.


L'evento si svolgerà sabato 3 ottobre 2015 presso il Centro Congressi di Confartigianato, via E. Fermi 201, Vicenza.

Il mondo dei beni culturali, quello della tecnologia e quello dei materiali sono sempre più tenacemente legati, come diffusamente dimostrato dal fiorire di progetti che connettono in vario modo questi tre ambiti.
Una recente e innovativa applicazione proveniente dal connubio tra tali settori proviene dalla prototipazione, dove l'uso di stampanti 3D consente la realizzazione di oggetti tridimensionali partendo da elaborazioni grafiche su computer.
Tali strumenti, associati a necessità ed esperienza, possono rivelarsi molto utili per rispondere a esigenze altrimenti difficilmente affrontabili.
Grazie al rilievo fotografico si sono ricostruite sculture e interi ambienti; è stato possibile creare delle gallerie di immagini virtuali che, all'occorrenza, possono essere scaricate e utilizzate per realizzare copie di oggetti che sarebbero difficilmente fruibili a distanza di chilometri; associando il rilievo e la stampa 3D sono stati effettuati interventi d'integrazione delle parti mancanti di opere scultoree; si sono realizzati percorsi tattili, ideali a consentire la fruizione dei beni a persone diversamente abili.
Attraverso questo seminario si vuole dare impulso a un approccio poco convenzionale rispetto al tema dell'integrazione (scultorea, architettonica e musiva) e, inoltre, far conoscere nuovi metodi di fruizione, documentazione e conservazione dei beni culturali. Le possibilità di applicazione sono sicuramente più ampie di quelle menzionate e, grazie a un approccio multidisciplinare, si intende favorire il colloquio tra i restauratori e i nuovi interlocutori, promotori di questo tipo di metodo.

Il seminario proposto quest'anno da Villa Fabris vuole fornire una essenziale introduzione teorica alle tecnologie digitali applicate ai beni culturali, affiancata da dimostrazioni e attività pratiche.

La "Sessione Poster" offrirà un ulteriore spazio per la presentazione di progetti, proposte e opportunità di confronto. Una volta concluse le fasi conoscitive sarà avviato un dibattito che coinvolgerà diverse figure professionali e verterà su limiti, dubbi e potenzialità delle tematiche affrontate.

Per coloro che volessero partecipare con un contributo alla "Sessione Poster", si prega di inotrare un abstract contenente nome, breve biografia (massimo 100 parole) e sommario (massimo 250 parole) entro e non oltre il 30 luglio 2015 all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

Programma della giornata

9.30 Iscrizioni
10.00 Saluti di benvenuto
10.10 Apertura convegno
Coordinamento scientifico
Annalisa Colombo e Valentina Perzolla

10.25 I materiali e le tecnologie di stampa 3D per la conservazione e il restauro
Marinella Levi – direttrice di +Lab, Politecnico di Milano, Milano

10.45 La tecnologia 3D per i beni culturali
Rosanna Pesce – titolare della ditta digi.Art servizi digitali per l'Arte e i Beni Culturali, Reggio Calabria

11.05 Scansione e Stampa 3D di calchi musivi policromi
Francesca Casagrande – restauratrice, Progetto Opus Digitale, Ravenna

11.25 Pausa caffè

11.40 Fabbricazione Digitale per i Beni Culturali: tecnologie per la conservazione e valorizzazione
Giulio Bigliardi, Sofia Menconero – fondatori di 3D Archeolab, Parma

12.00 Nuove tecnologie al servizio della Cultura
Città tra le mani,Turismo Esperienziale accessibile attraverso la stampa 3D
Claudia Melissa Barbarito – fondatrice del Progetto Città tra le mani, Lecce

12.20 Tecnologie digitali e fruizione dei beni culturali: un rapporto non semplice
Francesco Antinucci – direttore di ricerca all'Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione (ISTC) del CNR ISTC-CNR, Roma

12.40 Presentazione della "Sessione Poster"

13.00 Pausa pranzo

14.15 Laboratorio pratico a gruppi
- Rosanna Pesce (digi.Art): Simulazione di scansione e di elaborazione della nuvola di punti di un oggetto generata tramite laser scanner. Dimostrazione dell'utilizzo delle scansioni tridimensionali post prodotte per la realizzazione di file multimediali destinati ad applicazioni museali.
- Francesca Casagrande (restauratrice Progetto Opus Digitale,
Ravenna) e Riccardo Rivola (GEIS srl, Modena): Durante il laboratorio pratico, il pubblico potrà visionare e confrontare di persona il pannello a mosaico originale, dal quale è stata eseguita la scansione laser, e il calco policromo a gesso, ottenuto mediante la stampa 3D. Verranno presentati video che illustrano il momento della
scansione laser del pannello a mosaico e della relativa stampa 3D a polvere di gesso. Inoltre, sarà illustrata la metodologia con la quale venivano eseguiti i calchi musivi in antico.
- Giulio Bigliardi e Sofia Menconero (3D Archeolab) in collaborazione con Pietro Dioni e Giovanni Panico (FabLab Parma): Dimostrazione del processo che porta dall'oggetto reale alla corrispondente riproduzione. Si mostreranno soluzioni software che permettono di elaborare un rilievo tridimensionale di un oggetto utilizzando
solamente fotografie digitali. Una volta elaborato il modello 3D digitale, si mostrerà come riprodurlo fisicamente utilizzando una stampante 3D.
- Duilio Madaro e Fabio Dell'Onze (progetto Città tra le mani): Dimostrazione teorico-pratica di come partire da un rilievo fotografico e modellare in 3D un elemento utilizzando Autodesk Maya e preparando il file per la stampa 3D da inserire in un percorso
multisensoriale.
- André Zehrfeld (Restauratore tedesco e docente presso il Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio ): Dimostrazione teorico-pratica della tecnica dei calchi con metodi tradizionali.

16.30 Tavola rotonda
Dibattito aperto tra i relatori e il pubblico

17.15 Considerazioni finali e chiusura dei lavori

 

Scarica la locandina

Modulo di iscrizione

Ulteriori informazioni


Fonte: Villa Fabris

 

Ultima modifica il Venerdì, 19 Giugno 2015 11:17

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo