NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Giovedì, 19 Maggio 2016 11:16

Il tempo dei Musei: spazio alla tecnologie nel Secondo Convegno Internazionale di Museologia

La settima edizione del VII Salone dell’Editoria Archeologica (RomArché) si svolgerà a Roma presso il Museo NAzionale Romano - Terme di Diocleziano dal 26 al 29 Maggio 2016. Si tratta di un evento dedicato ad esporre le produzioni delle case editrici e di altri soggetti coinvolti nel settore dell’editoria archeologica.

L'evento è arricchito da diversi appuntamenti culturali di approfondimento come presentazioni di libri, conferenze, lezioni universitarie in museo, laboratori, dibattiti e convegni, alla presenza dei maggiori editori italiani di settore e di studiosi di chiara fama.

Durante l'evento si terrà anche il Museum.dià - II Convegno Internazionale di Museologia sul tema "Chronos, Kairòs e Aion. Il tempo dei Musei" (26 - 28 maggio). La narrazione del tempo, negli innumerevoli frammenti della vita che i musei tentano di ricomporre, è stata ed è la missione di queste istituzioni perché è un modo di indagare, di conoscere, di sapere cosa sono gli uomini, di penetrare la loro storia, di intuire la vastissima rete di rimandi profondi che tesse tra loro reperti, persone e testimonianze del loro legame.
Il lavoro sotteso alla ricerca e alla raccolta degli oggetti materiali e immateriali che confluiscono in una collezione museale è quindi sempre, più o meno consapevolmente, finalizzato al recupero di quel filo temporale che si snoda attraverso le varie epoche, trasmesso soprattutto nel racconto e nelle storie di chi ha animato le cose e concepito le idee da cui queste sono scaturite.

Il passato evocato è sempre lo stesso, fatto degli stessi avvenimenti, ma la sua comprensione e la conseguente riconcettualizzazione variano a seconda dell’epoca in cui sono formulate: i dati storici vengono sempre e continuamente reinterpretati con i valori e i significati di un eterno e sempre nuovo presente.

Il patrimonio del museo, quindi, concerne tutto l’insieme di relazioni spazio-temporali che connette gli uomini tra loro, nelle diverse epoche e con il circostante, divenendo vettore tra piani narrativi e, dunque, cronologici diversi: l’ingresso del museo diventa una soglia temporale che, dalla realtà dei reperti con la loro differente declinazione cronologica, conduce a un piano astratto più dilatato in cui è possibile muoversi nello spazio e nel tempo con più libertà fino a cogliere, in una potente metafora sociale, il nesso tra memoria collettiva e memoria personale.

 

In particolare segnaliamo le seguenti sessioni ed interventi dove si parlerà di tecnologie per la fruizione dei beni culturali, di comunicazione per i musei, di reatà virtuale:

GIOVEDÌ 26 MAGGIO 2016
Sala Conferenze Museo Nazionale Romano – Terme di Diocleziano

I SESSIONE – CHRONOS
IL TEMPO DA RICORDARE

14.30 – 15.10
Lucrezia Ungaro, Maria Caterina Schettini, Paolo Vigliarolo (Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali, Roma) - La storia e il racconto dei Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali attraverso la voce dei protagonisti. “Museo Glass Beacon” e “Il racconto delle anfore” Mirella Serlorenzi, Museo Nazionale Romano - Crypta Balbi

15.40 – 15.55
Nicoletta Frappicini (Museo Archeologico Nazionale delle Marche), Francesco Ripanti (Università di Pisa) - Ascoltare il tempo: i racconti del Museo Archeologico Nazionale delle Marche

15.55 – 16.10
Elisabetta Bruno (Heritage srl – start up innovativa a vocazione sociale) – La narrazione come strumento di rappresentazione: lo sviluppo di modelli per la fruizione del patrimonio culturale

 

Venerdì 27 Maggio 2016
Sala Conferenze Museo Nazionale Romano – Terme di Diocleziano

III SESSIONE – KAIROS
IL TEMPO DI CAMBIARE

11.30 – 11. 45
Sabrina Batino (Archeologa Progetto TeCHe (Technologies for Cultural Heritage), Istituto d’Istruzione Superiore Rosselli di Castiglione del Lago, Antiquarium di Palazzo della Corgna di
Castiglione del Lago) – Finestre digitali fra Museo e territorio. Narrazioni e interazioni archeologiche nel percorso didattico multimediale del Progetto TeCHe (Technologies for Cultural Heritage)

12.00 – 12.15
Paola Romi (Ricercatrice indipendente), Ivana Cerato (ITABC presso CNR), Microcosmi e macrocosmi. I musei, reali o virtuali, e gli appuntamenti social di interesse internazionale: opportunità, prospettive, problematiche

12.15 – 12.30
Astrid d’Eredità (ricercatrice indipendente) - Tempus fugit. Strumenti e suggerimenti per organizzare al meglio la comunicazione social dei musei senza perdere tempo prezioso

12.30 – 12.45
Antonia Falcone (Ricercatrice indipendente) - Le community virtuali e il museo oggi: come cambia la relazione tra istituzione e pubblico con l’intermediazione di comunità strutturate

 

Scarica il Programma Completo del convegno

 

A conclusione del Salone il 29 Maggio si terrà anche un ArcheoInstameet alle Terme di Diocleziano organizzato da ArcheoPop e Professione Archeologo, in partnership con la community IgersLazio. L'evento inizierà alle ore 15 presso il Museo Nazionale Romano - Terme di Diocleziano con un approfondimento tematico sui segreti della comunicazione museale su Instagram e, a seguire, una passeggiata fotografica nelle sale del museo. Ulteriori informazioni ed iscrizioni

 

Sito web dell'evento: www.romarche.it

 

Fonte: RomArché

Ultima modifica il Giovedì, 19 Maggio 2016 11:30

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo