NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Martedì, 06 Settembre 2016 09:39

Bellezza senza tempo: mostre, incontri, cantieri didattici per conoscere il restauro

Per tutto il mese di settembre il Centro Conservazione e Restauro La Venaria Reale (CCR) sarà presente al MEF – Museo Ettore Fico di Torino con mostre, incontri e cantieri didattici aperti al pubblico.
"Bellezza senza tempo" è il primo appuntamento di un protocollo di intesa firmato da MEF e CCR che prevede lo sviluppo congiunto di progetti interdisciplinari per la valorizzazione, conservazione e divulgazione del nostro patrimonio artistico.

Attraverso una programmazione di mostre ed eventi, il MEF ha come obiettivo quello di favorire l’accesso dei cittadini alla cultura, ampliando il bacino di utenza attraverso collaborazioni con  altre realtà culturali, favorendo così uno scambio di pubblico di target diversificati.
Il CCR, da oltre dieci anni, si dedica alla conservazione e al restauro del patrimonio artistico, svolge attività di ricerca scientifica e tecnologica e ne diffonde i risultati attraverso la formazione, la pubblicazione e il trasferimento delle innovazioni sperimentate durante lo svolgimento delle proprie attività.
Dall’incontro di queste competenze nasce Bellezza senza tempo, il primo di un ciclo di eventi che vedrà dialogare arte antica e contemporanea, teoria e divulgazione del restauro e cantieri didattici. Un’occasione per conoscere e approfondire il tema della conservazione delle opere di arte contemporanea anche per un pubblico non specializzato.

 

Bellezza senza tempo si inaugura ufficialmente l'8 settembre con la presentazione al pubblico della tavola cinquecentesca Pietà con i Santi Ambrogio e Girolamo, di proprietà della Pinacoteca di Brera e proveniente dalla Chiesa parrocchiale di Paderno d’Adda (LC). La pala, firmata da Giovanni Ambrogio Della Torre – artista rinascimentale in contatto con la più nota figura di Gaudenzio Ferrari – presentava una complessa storia conservativa e forti problematiche di degrado.

Il restauro, appena concluso come tesi magistrale del Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali dell’Università di Torino e con il contributo dell’Associazione Amici del CCR, ha permesso di restituire nuova vita a un’opera poco conosciuta del cosiddetto “Rinascimento lombardo”.
L’esposizione del dipinto sarà una preziosa occasione per far conoscere al pubblico le fasi e i retroscena di un restauro: dalle analisi diagnostiche condotte per indagare gli aspetti più nascosti della materia pittorica, ai dati inediti emersi sulla tecnica impiegata dall’artista, fino alle complesse operazioni di consolidamento, “rigenerazione” e pulitura del dipinto.

 

Appuntamenti

Giovedì 15 settembre Alessandro Morandotti, docente di Storia dell'arte moderna dell'Università di Torino, e Francesca Bianco, restauratrice e neolaureata del Corso in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali dell'Università di Torino, racconteranno i retroscena di un intervento di restauro in backstage: "Dietro il dipinto"

Venerdì 23 settembre il MEF diventerà un cantiere di restauro aperto dove il pubblico potrà incontrare docenti e studenti, conoscere da vicino gli “strumenti del mestiere” e vedere di persona gli interventi di restauro effettuati in loco sulle opere di Ettore Fico dagli studenti del Corso di restauro dell’Arte contemporanea.

 

Ulteriori informazioni

 

Fonte: Centro Conservazione e Restauro La Venaria Reale

Ultima modifica il Martedì, 06 Settembre 2016 10:00

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo