NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

A Firenze un incontro sulla Diagnostica e il Restauro dell'Arte Contemporanea

contemporaneamente-eventoLunedì 15 dicembre 2014 alle ore 16 presso l'Istituto per l'Arte ed il Restauro di Palazzo Spinelli,Palazzo Ridolfi in Via Maggio 13 in occasione di CONTEMPORANEAMENTE 2014, manifestazione dedicata ad arte, designe e cultura contemporanea, è in programma l'incontro  dal titolo Diagnostica e Restauro delle opere di Arte Contemporanea. Quali mezzi usare? L'iniziativa è organizzata da Art-test-Firenze in collaborazione con l’Istituto per l'Arte e il Restauro.


Tema dell'incontro sarà l'importanza delle analisi e della diagnostica per il restauro e per l'autenticazione delle opere di arte contemporanea. Emanuela Massa, restauratrice, diagnosta e co-fondatrice di Art-Test-Firenze, parlerà dei metodi scientifici, invasivi e non invasivi, attualmente a disposizione, concentrandosi sulle possibiltà di autenticazione, diagnosi e monitoraggio del degrado, presentando alcuni casi di studio affrontati, risolti e non risolti e sottolineando la necessità di un approccio multidisciplinare a queste.

Le tematiche specifiche per il restauro saranno affrontate da specialisti dell'Istituto per l'Arte e il Restauro. L’Istituto, pensato e costituito da Francesco Amodei nel 1976, ha sede nel palazzo Ridolfi e opera dal 1978 sia come centro di formazione e specializzazione professionale, che come centro di consulenza e restauro per conto di enti pubblici e privati. L’esperienza accumulata in oltre trent’anni di attività con più di 1.200 corsi attivati e 12.000 interventi effettuati, definisce l’Istituto quale centro di eccellenza del settore, a livello nazionale e internazionale con numerosi riconoscimenti.

 

Fonte: Associazione Via Maggio

 

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo