NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Martedì, 19 Aprile 2016 12:02

Laser scanner 3D per la digitalizzazione del patrimonio culturale sud africano

L'African Conservation Trust (ACT) è un'organizzazione no-profit sudafricana che impiega la tecnologia laser scanner 3D per documentare i siti del patrimonio culturale del Sud Africa. Dall'antica arte rupestre ai siti storici di battaglie, l'ACT insieme all'Università di KwaZulu-Natal (UKZN) è riuscito a far rivivere il passato mediante questa moderna tecnologia.

Arte rupestre
Il Sud Africa è sede di una delle catene montuose più spettacolari al mondo, il uKhahlamba Drakensberg Park (UDP). Originariamente chiamato Ukhahlamba dalla lingua bantu, il nome significa 'la fila di lance punta verso l'alto'. In queste montagne e nelle colline sottostanti si trova un tesoro d'arte inestimabile lasciato in eredità dai più antichi abitanti noti del Sud Africa, il popolo dei San. La misteriosa arte rupestre Drakensberg spesso raffigura scene soprannaturali che furono viste dallo sciamano ed è stata considerata come l'unica traccia tangibile lasciata dai San, che negli ultimi 100 anni sono stati considerati un popolo e una cultura estinte. Purtroppo gran parte dell'arte su roccia è stata danneggiata da atti vandalici, incendi, dalla vegetazione e da agenti atmosferici naturali. ACT ha lavorato con UKZN per conservare digitalmente questi spettacolari siti utilizzando la scansione laser 3D.

 

 

Le corbelled houses

ACT e UKZN hanno raccolto la sfida del progetto CyARK 500 che mira a documentare 500 importanti siti del patrimonio in tutto il mondo in 5 anni. Per questo motivo è stata compiuta una spedizione nella provincia Northern Cape del Sud Africa per documentare nove "corbelled houses" mediante la scansione laser 3D. Queste case sono ottimi esempi di ingegnosità dei primi pionieri olandesi che si sono trasferiti nel paesaggio semi deserto del Karoo dove hanno scoperto che gli alberi erano radi e l'unico materiale disponibile per costruire le loro abitazioni era la pietra e, non avendo a disposizione capriate lignee per sostenere il tetto, hanno fatto uso di un metodo antico di costruzione nota come corbelling. Gli edifici del Northern Cape sono gli unici esempi in Sud Africa che ancora rimangono in piedi oggi e rappresentano una fase speciale nella storia dell'architettura vernacolare in Sud Africa.

 

Rietpoort Corbelled House, South Africa by African Conservation Trust on Sketchfab

 

Tra i monumenti digitalizzati dal team anche la capitale reale del re degli Zulu Dingane (uMgungundlovu) che è stato istituita nel 1829. Dingane salì al potere dopo aver ucciso il suo fratellastro, King Shaka decidendo di costruire il suo grande kraal reale nella valle di Emakhosini. Fu famoso per la sua crudeltà e durante il suo regno furono uccisi circa 3000 Zulu. uMgungundlovu era di forma ovale, e consisteva di circa 1500 capanne di paglia tradizionale (umuzi). Anche se la capitale originale è stata raso al suolo, gli archeologi stanno facendo riemergere dalle ceneri le capanne ricostruite mostrando quello che era ai suoi inizi.


Approfondisci sul blog di Sketchfab: Museum Spotlight: Digitally preserving South Africa’s cultural treasures

Vai al sito di ACT www.actheritage.org

Guarda il video riportato in fondo alla notizia.

Sketchfab for Cultural Heritage https://sketchfab.com/museums

Ultima modifica il Martedì, 19 Aprile 2016 12:17

Video

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo