NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Martedì, 06 Ottobre 2015 10:22

GRAVITATE: ricomporre i beni culturali frammentati e dispersi mediante le nuove tecnologie

GRAVITATE (Geometric Reconstruction And noVel semantIc reunificaTion of culturAl heriTage objEcts) è un progetto europeo finanziato nell'ambito di Horizon 2020 i cui obiettivi principali sono quelli di create un set di strumenti software che permettano agli archeologi e ai conservatori di ricostruire manufatti culturali rotti o frammentati, di intensificare e riunire parti di oggetti dei beni culturali che sono stati separati da una collezione all'altra e di riconoscere le associazioni tra i manufatti culturali che permetteranno nuova conoscenza e comprensione delle passate società.

Il progetto coinvolge, come partner, un museo di fama mondiale, un istituto di archeologia e partner di ricerca che lavorano nella gestione di oggetti 3D, nell'analisi semantica ed integrazione dell'ICT. In particolare collaborano nel progetto l'IT Innovation Centre dell'Università di Southampton, l'Università di Amsterdam, il Dipartimento IMATI del CNR, il British Museum, the Cyprus Institute, l'Israel Institute of Technology (Technion).
Il progetto è guidato dalle necessità degli istituti archeologici, esemplificati da un caso d'uso pertinente, la collezione Salamis condivisa da Cipro e dal British Museum.

La competenza nella scansione 3D proveniente da esperienze di ricerca precedenti permette ai partner di intraprendere un programma di estrazione geometrica da una parte, annotazione semantica dall'altra.
L'integrazione di questi approcci in una singola piattaforma di supporto, con una suite completa di strumenti di visualizzazione provvederà un'unica risorsa per la comunità di ricerca dei beni culturali.

Si prevede che i risultati che si possono ottenere dall'utilizzo di questi strumenti porterà alla ricostruzione più rapida e accurata di oggetti del patrimonio culturale per lo studio e l'esposizione, maggiori opportunità per la riunificazione di oggetti tra collezioni e maggiori conoscenze dei rapporti tra le società del passato che possono essere comunicate come narrazioni coerenti al pubblico attraverso nuove forme di display virtuali e tangibili, che coinvolgono gli stessi oggetti ricostruiti così come oggetti stampati in 3D e visualizzazioni digitali.

 

Ulteriori informazioni sul sito web: www.gravitate-project.eu 

 

Fonte: GRAVITATE

 

Ultima modifica il Martedì, 06 Ottobre 2015 12:27

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sea Drone Gallipoli

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo