NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Presentato il Museo Virtuale Ferramonti

In occasione della Conferenza internazionale del Programma Europa per i cittadini - Opportunità finanziarie attuali e strategie future svoltosi lo scorso 16 aprile a Roma è stato presentato in anteprima il progetto “MuViF – Museo Virtuale Ferramonti".

L’evento, organizzato dall'ECP– Europe for Citizens Point Italy (Punto di Contatto Nazionale per il Programma Europa per i Cittadini), in cooperazione con l'Istituto Yad Vashem - International School for Holocaust Studies di Gerusalemme, ha avuto luogo a Roma lunedì 16 aprile presso la Sala Conferenze Santa Marta del Ministero dei Beni Culturali.

Il Presidente della Fondazione Museo Internazionale della Memoria Ferramonti di Tarsia, l'avvocato Francesco Panebianco, e la dottoressa Francesca Alonzo, Responsabile format multimediali Alphabeti, hanno svelato in anteprima il progetto “MuViF” nell’intervento “Museo Virtuale Ferramonti: le nuove tecnologie per la memoria storica”. Il progetto è stato reso possibile grazie al bando europeo "Europe for Citizens 2007-2013, Action 4: Active Europena Remembrance".  

Il progetto permette di far conoscere attraverso i nuovi media la conoscenza del Campo di concentramento di Ferramonti di Tarsia che negli anni ’40 ospitò oltre 2000 internati tra Ebrei, apolidi, dissidenti politici e del regime non solo italiani. 

Il progetto “MuViF”, grazie alla tecnologia I’mVR® (Interactive Multimedia Virtual Reality), permette di esplorare il Museo della Memoria e il campo di concentramento in maniera virtuale a 360°. Tutta la documentazione disponibile sarà raccolta in un unico spazio “virtuale”, dove sarà possibile scaricare materiale di approfondimento.

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo