NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

L’alimentazione a Roma al tempo della caduta dell’Impero Romano e nei secoli successivi. La valutazione isotopica arricchisce il quadro delle nostre conoscenze.

Roma medievale, secoli di profondi cambiamenti nei modelli economici, demografici e sociali ma anche nelle abitudini nutrizionali. Arriva adesso uno studio, la prima vasta indagine sulle abitudini alimentari degli antichi abitanti della Roma medievale, che mira a definire il profilo dietetico della popolazione della città tra V e XI secolo grazie all'analisi degli isotopi stabili del carbonio e dell'azoto. Oltre alla caratterizzazione alimentare della popolazione romana nel primo medioevo la ricerca, sostenuta dal MIUR (PRIN 2015), ha avuto l’obiettivo di istituire confronti  valutativi tra la dieta medievale a Roma con quella di altri siti italiani e con quella di età imperiale, sempre a Roma, contribuendo in quest’ultimo caso a delineare un quadro complessivo dell'impatto del declino dell'Impero romano anche sulle abitudini alimentari.

Archeomatica 1 - 2020: Lidar e intelligenza artificiale, Microtomografia e Rilievo

Archeomatica 1 - 2020 raccoglie vari interessanti articoli con finalità scientifiche diverse: dalla rappresentazione digitale degli scavi sul Palatino al Lidar e Intelligenza artificale applicata alla ricerca archeologica in Perù, passando per la microtomografia applicata ad uno strumento antico. 

Mummie di animali. La microtomografia e l'imaging 3D restituiscono nuove informazioni su vita, sofferenza e morte degli animali e le loro relazioni con l’uomo nell’antico Egitto


Nell'antico Egitto il rituale della mummificazione non riguardava solamente gli umani cui doveva garantire la rinascita nell'aldilà. Pratica comune era anche la mummificazione degli animali, non solamente quelli domestici come cani e gatti, ma anche di uccelli come ibis e falchi, pesci, mucche, serpenti e addirittura di coccodrilli. Se ne è proposta una classificazione: animali domestici sepolti con il loro proprietario, mummie di vettovagliamento sepolte con l'umano in modo da fornire cibo nell'aldilà, animali sacri adorati durante la loro vita, particolari animali associati a specifiche divinità con mummie che venivano poste nei templi come offerte votive. Una gran parte delle decine di milioni di mummie animali realizzate dagli egizi tra il VII sec. a.C. e il V d.C. è per l’appunto interpretata come offerta votiva, simbolo di affiliazione religiosa e strumento di comunicazione tra le persone viventi e gli dei. I gatti erano spesso legati alla dea della fertilità Bastet. Cospicui cimiteri di mummie feline sono stati trovati a Bubastis, Tebe, Saqqara e Beni Hasan. Alcuni uccelli erano collegati con divinità solari e del cielo Horus, Sokar e Re.  Le mummie erano acquistate dai frequentatori dei templi in una quantità enorme tanto che si è parlato di industria delle mummie animali dell'antico Egitto. Gli animali venivano allevati o catturati dai custodi e in seguito macellati quando erano piuttosto giovani e mummificati dai sacerdoti del tempio a scala industriale. "L'industria" della mummificazione animale richiedeva volumi di produzione elevati presupponendo l’esistenza di strutture e di programmi di allevamento specifici. Il gran numero di uccelli mummificati suggerisce che molti potrebbero essere stati raccolti selvatici piuttosto che essere stati allevati nei recinti dei templi. La domanda in alcuni periodi deve aver superato l’offerta tanto da spiegare i risultati cui giunse anni or sono una ricerca dell’Università di Manchester su più di 800 mummie animali rivelando che circa un terzo dei fasci di stoffa non conteneva affatto materiale animale. Una truffa a danno dei creduli fedeli? La questione è controversa. Giunge adesso una ricerca di un team di ricercatori del Regno Unito composto da ingegneri, archeologi, biologi ed egittologi che con metodologie e strumentazioni avanzate tenta di formulare ipotesi credibili su come potrebbe essere stata la vita di questi animali, la loro soppressione e il trattamento rituale di mummificazione. Una ricerca pilota in attesa che in futuro altri studi confermino o meno gli indicatori rinvenuti delle cattive condizioni in cui erano tenute le bestiole, gli stessi schemi di trauma e di trattamento di mummificazione messi in luce dalla ricerca.

Tags:
Stonex S70G Handheld GNSS RTK

S70G è un sistema GNSS multicostellazione a doppia frequenza che permette di rilevare dati e foto sul campo in maniera facile e veloce.
Viene fornito con un’antenna collegata direttamente al tablet che garantisce una precisone di 2cm. Il sistema quindi si rivela compatto e maneggevole, perfetto per rilievi sul campo in aree archeologiche.

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo